Asilo di San Giacomo: «Basta intimidazioni, sia fatta rispettare la legge»

Ad affermarlo è la deputata del Gruppo Misto Sara Cunial

Il vigneto di Vittorio Veneto

«Quella che poteva essere una vittoria per tutti rischia di trasformarsi in una guerra grottesca. Con la sentenza del Tar del Veneto, che nei giorni scorsi si è espresso sulla questione del vigneto sorto accanto all’asilo di San Giacomo, imponendo alla proprietà di firmare una convenzione con il Comune o di procedere all'espianto, si poteva chiudere una triste vicenda che ancora una volta metteva di fronte gli interessi privati al Bene Comune. Purtroppo invece di procedere con un accordo di buon senso, l’azienda preferisce attaccare quei genitori che hanno in questi mesi hanno deciso di difendere la salute e il futuro dei loro figli». Ad affermarlo è la deputata del Gruppo Misto Sara Cunial.  

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Ora è importante che chi è chiamato a mettere in pratica quanto predisposto dal giudice non faccia nessuno sconto a chi, in maniera illecita, facendosi beffa delle leggi e ignorando le varie ordinanze comunali e i vari solleciti all’interruzione, ha continuato a lavorare in tutti questi mesi. Sarebbe infatti inammissibile sottostare ai ricatti e alle intimidazioni di chi, confermato dal Tar, ha piantumanto in zona non idonea -continua Cunial- Anche la Regione Veneto è tempo che prenda coscienza non solo del disastro permesso a danno della propria terra ma anche dell'urgenza di un cambio di rotta e di una ferma condanna a un modello agricolo fallimentare sotto tutti i punti di vista: sanitario, sociale ed economico. Le alternative ci sono e sono già realtà ma vanno legittimate e incentivate con una normativa valida per tutti i Comuni è inutile lasciare ampia autonomia ai sindaci se poi questi si trovano le mani legate in quanto i loro provvedimenti possono essere impugnati da chiunque. Solo una legge regionale potrebbe risolvere definitivamente la questione. Servono risposte e servono adesso».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto frontale nella notte, muore allenatore del Ponzano amatori

  • Adriano Panatta sposa a 70 anni l'avvocato trevigiano Anna Bonamigo

  • Elezioni in Veneto: guida al voto per Referendum, Regionali e Amministrative

  • Omicidio di Willy, l'autore del post razzista è uno studente trevigiano

  • Un caso di Covid-19 all'asilo, in quarantena tre classi e una maestra

  • Truccavano gli esami di guida, autoscuola trevigiana nella bufera

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento