rotate-mobile
Venerdì, 20 Maggio 2022
Politica

Mattarella bis, Zaia: «Bene sull'autonomia, buon auspicio per il Veneto»

Giovedì 3 febbraio la cerimonia di giuramento del presidente della Repubblica davanti al Parlamento in seduta comune, presenti anche i delegati delle Regioni. Zaia: «Ho apprezzato molto i passaggi sulla riforma della Magistratura»

«L'impresa alla quale si sta ponendo mano richiede il concorso di ciascuno. Forze politiche e sociali, istituzioni locali e centrali, imprese e sindacati, amministrazione pubblica e libere professioni, giovani e anziani, città e zone interne, comunità insulari e montane. Vi siamo tutti chiamati». Così Sergio Mattarella ha aperto il suo secondo mandato al Quirinale con un lungo discorso di insediamento davanti al Parlamento in seduta comune con la presenza dei delegati regionali che hanno partecipato all’elezione.

Il commento di Zaia

«Sull'autonomia, dal Presidente Mattarella è venuto un bel segnale, così come sul ruolo delle regioni e delle autonomie locali, un passaggio che ho molto apprezzato. Per il Veneto spero sia di buon auspicio, anche perché il nostro processo di autonomia differenziata è avviato e dobbiamo assolutamente chiudere questa partita, che è in linea con la Costituzione. Il fatto che il Presidente della Repubblica, che ne è il garante, ne abbia parlato in forma molto rispettosa fa ben sperare che si possa arrivare alla fase esecutiva». Queste le parole del residente della Regione Veneto, Luca Zaia, dopo l'insediamento del Presidente Sergio Mattarella. «In generale - conclude Zaia - si è trattato di un discorso a 360 gradi, indicando quali saranno le sfide del futuro rispetto al tema del sociale, del lavoro, della violenza sulle donne, delle sfide economiche che ci attendono, della fase nuova (non post Covid) come egli l’ha chiamata. Ho anche apprezzato molto - conclude Zaia - i passaggi sulla Magistratura e sulla necessità che si riformi».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mattarella bis, Zaia: «Bene sull'autonomia, buon auspicio per il Veneto»

TrevisoToday è in caricamento