Zanoni (PD): «Omicidi in famiglia, le armi son pericolose: la Regione non finanzi Hit Show»

Il consigliere regionale trevigiano: «Le Istituzioni devono fare pressioni sugli organizzatori affinché durante la manifestazione non vengano esposte armi e sia vietata l’esposizione di materiali pubblicitari per formazioni di tipo paramilitare e mercenario»

"Le armi, anche quelle legali, anche quelle detenute da persone ‘perbene’, rappresentano un pericolo e incentivarne il possesso come fa la Lega è inaccettabile. La Regione dovrebbe seriamente riflettere sui soldi con cui ogni anno finanzia Hit Show, diventato ormai un palco per le passerelle di Salvini e della Giunta Zaia”. A rimarcarlo è Andrea Zanoni, consigliere del Partito Democratico commentando i dati del rapporto ‘Questo non è amore’ della Polizia  e dell’indagine del Centro Ricerche Economiche e sociali Eures dal titolo ‘Omicidi in famiglia’ citati oggi dal quotidiano ‘Avvenire’. “Nel 2018 il 38% dei femminicidi è stato commesso con armi da fuoco, percentuale simile, 40%, per le morti ‘domestiche’ che riguardano mogli, mariti, figli e genitori. E in due casi su tre (64,6%) l’assassino aveva un regolare porto d’armi. Ancora una volta la propaganda deve cedere il passo alla realtà dei numeri: le armi legali uccidono più della mafia e non sono un deterrente contro la criminalità. La leggerezza con cui si vuol far passare il messaggio che una persona ‘perbene’ (definizione quanto mai generica e vuota utilizzata da Salvini a Hit Show), ma armata, non rappresenta un pericolo va assolutamente respinta”, insiste l’esponente democratico.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Sono d’accordo con Opal (Osservatorio permanente sulle armi leggere e Politiche di sicurezza e difesa) e Controllarmi (Rete italiana per il disarmo): le istituzioni devono fare pressioni sugli organizzatori di Hit Show a Vicenza affinché durante la manifestazione non vengano esposte armi da difesa personale, per corpi di polizia e di sicurezza pubblica e privata, o addirittura da guerra, sia vietata l’esposizione di materiali pubblicitari per formazioni di tipo paramilitare e mercenario e, soprattutto, sia consentito l’accesso esclusivamente ai maggiorenni. Invece la Regione Veneto, per tornaconto elettorale, fa finta di niente e continua a garantire, ogni anno, il solito finanziamento”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus nella Marca: ecco la mappa del contagio comune per comune

  • Famiglia Zoppas in lutto: morto a soli 55 anni il noto manager Marco Colognese

  • «Prima smaltite ferie e permessi». Negata la cassa integrazione al Solnidò di Villorba

  • Coronavirus, oltre 10mila contagi in Veneto: cinque morti nella Marca

  • Scopre agricoltore che sversa liquami nel fosso: viene preso a martellate

  • Passeggia a 150 metri da casa: multato dalla polizia stradale

Torna su
TrevisoToday è in caricamento