Zanoni (PD): «Omicidi in famiglia, le armi son pericolose: la Regione non finanzi Hit Show»

Il consigliere regionale trevigiano: «Le Istituzioni devono fare pressioni sugli organizzatori affinché durante la manifestazione non vengano esposte armi e sia vietata l’esposizione di materiali pubblicitari per formazioni di tipo paramilitare e mercenario»

"Le armi, anche quelle legali, anche quelle detenute da persone ‘perbene’, rappresentano un pericolo e incentivarne il possesso come fa la Lega è inaccettabile. La Regione dovrebbe seriamente riflettere sui soldi con cui ogni anno finanzia Hit Show, diventato ormai un palco per le passerelle di Salvini e della Giunta Zaia”. A rimarcarlo è Andrea Zanoni, consigliere del Partito Democratico commentando i dati del rapporto ‘Questo non è amore’ della Polizia  e dell’indagine del Centro Ricerche Economiche e sociali Eures dal titolo ‘Omicidi in famiglia’ citati oggi dal quotidiano ‘Avvenire’. “Nel 2018 il 38% dei femminicidi è stato commesso con armi da fuoco, percentuale simile, 40%, per le morti ‘domestiche’ che riguardano mogli, mariti, figli e genitori. E in due casi su tre (64,6%) l’assassino aveva un regolare porto d’armi. Ancora una volta la propaganda deve cedere il passo alla realtà dei numeri: le armi legali uccidono più della mafia e non sono un deterrente contro la criminalità. La leggerezza con cui si vuol far passare il messaggio che una persona ‘perbene’ (definizione quanto mai generica e vuota utilizzata da Salvini a Hit Show), ma armata, non rappresenta un pericolo va assolutamente respinta”, insiste l’esponente democratico.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Sono d’accordo con Opal (Osservatorio permanente sulle armi leggere e Politiche di sicurezza e difesa) e Controllarmi (Rete italiana per il disarmo): le istituzioni devono fare pressioni sugli organizzatori di Hit Show a Vicenza affinché durante la manifestazione non vengano esposte armi da difesa personale, per corpi di polizia e di sicurezza pubblica e privata, o addirittura da guerra, sia vietata l’esposizione di materiali pubblicitari per formazioni di tipo paramilitare e mercenario e, soprattutto, sia consentito l’accesso esclusivamente ai maggiorenni. Invece la Regione Veneto, per tornaconto elettorale, fa finta di niente e continua a garantire, ogni anno, il solito finanziamento”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Gioca al Lotto e vince 165mila euro centrando una quaterna

  • E' morto Tommaso, il bimbo di Dosson schiacciato da un cancello

  • Ex Caserma Serena: 133 migranti positivi al test del tampone

  • Disperate le condizioni del bimbo schiacciato da un cancello scorrevole

  • Cancello scorrevole si stacca e travolge bimbo di quattro anni, grave in ospedale

  • Coronavirus, Zaia: «In Veneto misure prorogate fino al 15 ottobre»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento