Zanoni (PD) è il nuovo presidente della Quarta commissione in Regione Veneto

Il consigliere regionale trevigiano: «E' una giornata storica visto che per la prima volta è stato eletto un rappresentante della minoranza»

Una foto post insediamento

Il consigliere regionale del Partito Democratico Andrea Zanoni è il nuovo presidente della Quarta commissione di Palazzo Ferro Fini. L’elezione di presidenti, vicepresidenti e consiglieri segretari delle prime cinque commissioni consiliari è avvenuta oggi, mentre per la Sesta si dovrà attendere martedì. «È una giornata storica perché, per la prima volta da quando esiste il Consiglio regionale, la presidenza di una commissione viene affidata a un rappresentante eletto tra le fila della minoranza, grazie a una modifica statutaria approvata alla fine della scorsa legislatura», spiega Zanoni, il cui nome era stato proposto da tutta l’opposizione, Partito Democratico, Veneto che Vogliamo, Europa Verde e Movimento Cinque Stelle. 

Alla Quarta commissione spettano la valutazione e il controllo delle politiche e della legislazione regionale, la gestione del patrimonio e degli enti regionali, la vigilanza sui finanziamenti, la prevenzione e il monitoraggio sul rispetto della legalità e contrasto alla criminalità organizzata. «Nell’ultima legislatura si è occupata di 42 diversi fascicoli relativi alla valutazione della spesa su diverse materie, ad esempio Veneto Agricoltura, Piano casa, politiche familiari, di aiuto alle imprese, efficienza energetica, Superstrada a pedaggio Pedemontana Veneta, gestione dei Parchi regionali, Expo 2015 e antincendi boschivi», ricorda il neopresidente. 

«Rispetto alle altre commissioni l’agenda viene dettata per la maggior parte dall’iniziativa e dalle proposte dei consiglieri. In questa legislatura avremo una materia in più, la promozione della legalità che ci consentirà di valutare e approfondire le politiche riguardanti l’attuazione della Legge 48/2012 sulla promozione della legalità e contrasto alla criminalità organizzata e mafiosa. Mi auguro che la Commissione possa lavorare in maniera intensa e proficua. Ho intenzione di convocare a breve la prima seduta per illustrare ai colleghi funzionamento e competenze, mi sono già confrontato con il vicepresidente Roberto Bet e il consigliere segretario Gianpiero Possamai sull’impostazione delle attività, in modo da renderla il più efficace e operativa possibile». 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Remo Sernagiotto ricoverato al Ca' Foncello: «Condizioni disperate»

  • Cocaina e marijuana in casa, brigadiere dei carabinieri in manette

  • Malore improvviso al rifugio: 62enne muore tra le braccia della compagna

  • Covid, Zaia: «I dati in Veneto sono buoni, non meritiamo la zona arancione»

  • Pooh, nuovo disco dopo la morte di D'Orazio: «Le canzoni della nostra storia»

  • Se n'é andata Paola Maiorana, voce storica delle radio private trevigiane

Torna su
TrevisoToday è in caricamento