Immagini del Duce a Zenson di Piave, il PD porta il caso in parlamento

Giovanni Zorzi, segretario provinciale: «Quelle immagini ci riportano indietro a tempi oscuri. Rappresentano un’offesa ai valori della nostra storia in una terra che ha conosciuto bene la tragedia di una dittatura crudele e spietata»

Sua Eccellenza Cavalier Benito Mussolini

Le immagini di Benito Mussolini sulla facciata di un palazzo storico in piazza a Zenson di Piave suscitano l’indignazione dei dem trevigiani che porteranno il caso direttamente in Parlamento. «Quelle immagini ci riportano indietro a tempi oscuri -dichiara Giovanni Zorzi, segretario provinciale PD Treviso-  Rappresentano un’offesa ai valori della nostra storia in una terra che ha conosciuto bene la tragedia di una dittatura crudele e spietata».

Incalza Zorzi: «Viviamo un momento di grande preoccupazione per via di messaggi e parole d’ordine che la destra sovranista agita impunemente per il proprio tornaconto elettorale, sdoganando i peggiori sentimenti di odio e intolleranza. Recuperare simboli fascisti non vuol dire conservare la nostra storia, significa assecondare questi sentimenti pericolosi e oltraggiare la memoria di chi ha sacrificato la propria vita per darci un Paese più libero e democratico. È una provocazione che va condannata senza mezzi termini. Per questo il Partito Democratico, con l’on. Chiara Braga, presenterà interrogazione in Parlamento affinché intervenga direttamente il Prefetto a rimuovere quelle immagini».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sul punto interviene l’onorevole Chiara Braga: «Da molti anni, ormai, assistiamo a una sempre più insistente riscrittura della storia d’Italia e a ogni tipo di giustificazionismo nei confronti dell’ideologia fascista, della dittatura mussoliniana e delle innumerevoli malefatte risalenti a quel periodo storico come, ad esempio, gli omicidi e le incarcerazioni degli oppositori politici che si permettevano di contrastare il regimi, anche molti veneti tra cui Giacomo Matteotti. Si tratta di una politica di rimozione inaccettabile».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid-19: allarme arancione in Veneto, Zaia temporeggia sull'ordinanza

  • L'auto si schianta fuori strada: morto un 22enne, due feriti gravi

  • Torna l'ora solare, quando vanno spostate le lancette

  • Nuovo Dpcm, Conte ha firmato: ecco che cosa cambia da lunedì

  • Pranzo tra amici si trasforma in un focolaio Covid: trovati quindici positivi

  • Covid, Zaia: «In arrivo nuova ordinanza per limitare gli assembramenti»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento