Zorzi: "Un Decalogo contro il grande inganno del centrodestra"

Il Partito Democratico della Provincia di Treviso fa sentire la propria voce e per bocca del segretario, Giovanni Zorzi, denuncia il “grande inganno” che la destra sta tendendo ai trevigiani

TREVISO “Conte - commenta Giovanni Zorzi, con un gioco di parole sui due omonimi alla ribalta in questi giorni - non va bene né a Roma né  tantomeno a Treviso. Non c’è indipendenza di pensiero, non c’è visione di città, non c’è sincera passione: entrambi sono espressione di decisioni prese altrove. Noi siamo al fianco di Giovanni Manildo e dei nostri candidati per il buon governo della città e per il vero cambiamento, quello portato avanti con coraggio in questi anni, e non possiamo non denunciare questo bluff, così come non possiamo non denunciare il grande inganno di Lega e destre che nascondono, dietro la facciata di forza di cambiamento,le responsabilità sulle condizioni in cui si trovava la città cinque anni fa: senza un’idea di futuro, senza alcun progetto di cura per i più deboli e fragili, senza l’orgoglio di essere una città dinamica e attrattiva”.

Conclude Zorzi: “Come PD dimostreremo in questi giorni che i trevigiani non credono agli inganni e che la Treviso aperta, inclusiva e plurale c'è ed è più forte che mai di fronte al pericolo di un ritorno al passato”. Ecco i 10 punti del volantino - denuncia del PD:

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il centrodestra sta ingannando tutti noi i trevigiani. Come?

  1. Decidendo per il futuro della nostra Città a Venezia e a Roma;
  2. Inserendo nelle proprie liste candidati che hanno già altri incarichiche non lascerebbero mai per occuparsi di Treviso, a cominciare dal governatore del Veneto;
  3. Inventando una “Lista Zaia” solo per un conteggio interno tra le loro correnti e fare un “congresso” dentro la Lega sulle spalle degli elettori trevigiani;
  4. Scegliendo un candidato sindaco che si faccia teleguidare dai suoi capi regionali e nazionali e non esprima alcuna idea per la Città;
  5. Proponendo per Treviso un cambiamento che nasconde i danni delle loro passate amministrazioni, dallo spopolamento del centro fino ai mancati investimenti sulle fognature;
  6. Non lottando contro le liste d’attesa infinite e la disorganizzazione della sanità regionale per non scomodare il manovratore;
  7. Riportando il clima di odio, paura e chiusura in Città sfruttandolo solo per prendere voti;
  8. Facendo scappare investitori e cittadini per tornare al gruppo dei “quattro amici al bar”;
  9. Disinteressandosi dello sviluppo del territorio e creando disastri come quello della Superstrada Pedemontana o il fallimento del progetto di metropolitana di superficie;
  10. Applicando il “Modello Appiani” in tutta la Città.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Borsa di cibo gettata tra i rifiuti: «Uno spreco che fa rabbia»

  • Malore improvviso durante la gita in bici: morto Carlo Durante, oro paralimpico nel '92

  • Camion carico di pollame finisce sulla pista ciclopedonale

  • Partita la maxi campagna vaccinale per 15mila ragazzi trevigiani

  • Schiacciato da un camion in rotonda, ciclista muore a 63 anni

  • Vasto incendio all'azienda agricola Vaka Mora: a fuoco 500 balle di fieno

Torna su
TrevisoToday è in caricamento