rotate-mobile
Martedì, 27 Febbraio 2024
TrevisoToday

Restauro musicale grazie all'intelligenza artificiale

Stefano Santin restaura “Solista” registrato 33 anni fa grazie all’intelligenza artificiale

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di TrevisoToday

11.11.22 dopo 33 anni Stefano Santin pubblica sulle principali piattaforme musicali mondiali “Solista”, album da lui interamente realizzato nel 1989 con un elementare registratore a cassette 4 piste, dove aveva suonato tutti gli strumenti e cantato nelle 16 canzoni da lui composte. L’originaria distribuzione avvenne attraverso cassette C60 artigianalmente duplicate e regalate alle persone a lui più care. La produzione era molto basica e parte degli strumenti gli erano stati prestati dai ragazzi del complesso con cui suonava. In “Solista” Stefano si raccontava portando le sue sensazioni, progetti e allo stesso tempo anche fragilità. Dopo questo album, è stato prodotto “Nima” con lo stesso registratore a cassette 4 piste, per poi passare alle Daw (Digital Audio Workstation) con gli album “Meglio tardi che mai” e “Corvi e aquile”. Grazie a dei recenti post scritti nei gruppi di “home recording” Stefano ha capito che utilizzando delle applicazioni di intelligenza artificiale era possibile restaurare le sue vecchie registrazioni. Tra i vari suggerimenti ricevuti, la dritta decisiva gli è arrivata da un collega del Galles. Questo fa capire che i social, se utilizzati bene, offrono grandi possibilità. Ne è nata quindi una forte motivazione nel voler rinfrescare queste sue canzoni di vecchia data. Ci racconta di aver vissuto delle grandi emozioni, in quanto l’aver ripreso in mano queste canzoni gli ha fatto rivivere quei meravigliosi anni della sua vita, riportando alla memoria dei bellissimi ricordi. In particolare con l’intelligenza artificiale è stato possibile dividere strumenti che erano nella stessa traccia (mono) per poi successivamente estrapolarne delle parti da mettere in risalto. E stato quindi rifatto il mix e il mastering con i protocolli dello streaming. L’intelligenza artificiale è stata possibile grazie a delle applicazioni con algoritmi aggiornati che elaborano i file direttamente online. Non sono state fatte sovraincisioni, ma solo modellazioni del suono. Stefano si considera molto soddisfatto del risultato finale che è andato ben oltre alle sue più rosee aspettative. Sarà quindi possibile ascoltare l’album “Solista (remix e remastered 2022)” gratuitamente su Youtube e con abbonamento su Spotify, iTunes, Apple Music, Tidal, Deezer e gli altri principali distributori.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Restauro musicale grazie all'intelligenza artificiale

TrevisoToday è in caricamento