rotate-mobile
Martedì, 27 Febbraio 2024
Salute

Asja Zenere, il recupero dagli infortuni grazie ad un'azienda della Castellana

Nonostante gli anni duri, è tornata sugli sci vincendo due coppe d’oro al FIS nel 2021 e nel marzo dell’anno scorso

Una notizia che solo un anno fa avrebbe avuto dell’incredibile: la convocazione e partecipazione della vicentina Asja Zenere ai Campionati del Mondo in Francia – oggi la prima gara sulla 'Roc de fer' di Méribel dove si è classificata 22a - è stata accolta dall’atleta con gioia ed un pizzico di incredulità. Sì, perché la sciatrice alpina, classe 1996, ha dovuto affrontare dal 2019 una serie di infortuni, prima al ginocchio e poi all’astragalo, che l’hanno costretta a ripartire da zero. Nonostante gli anni duri, è tornata sugli sci vincendo due coppe d’oro al FIS nel 2021 e nel marzo dell’anno scorso.

Il 2022 ha segnato anche il suo debutto in Coppa del Mondo a Lenzerheide in Svizzera in slalom gigante. Nella medesima specialità ha gareggiato il 5 dicembre scorso come atleta della nazionale italiana di sci alpino femminile, conquistando a Zinal il primo posto in Coppa Europa e il 10 dicembre, a Sestriere, il primo piazzamento a punti in Coppa del Mondo (11ª). Oggi guida la classica assoluta e di gigante in Coppa Europa ed è stata convocata assieme ad altri 23 atleti italiani ai Mondiali di sci alpino di Méribel – Courchevel in Francia dove oggi, appunto, ha fatto la sua prima gara. Si tratta di risultati straordinari che nascono da tanta determinazione e da un percorso riabilitativo complesso che ha previsto anche l’uso dei dispositivi nanotecnologici Taopatch®, messi a punto dall’azienda trevigiana Tao Technologies di Castello di Godego, che l’hanno aiutata a migliorare i tempi di recupero e la performance e di cui la stessa Asja è diventata brand ambassador.

L’atleta usa un mix di dispositivi durante l’attività sportiva per mantenere l’equilibrio e controllare il dolore, ma anche fuori pista per la cicatrice al ginocchio. Quando serve, Asja indossa anche Taopatch® EMOTION “che le danno sollievo a livello di stress”. Commenta Asja Zenere: «Quando lavoro sull’equilibrio ho un sacco di beneficio sulla pista da sci perché i dispositivi, ideati dal Dottor Fabio Fontana, mi rimettono in bolla. In particolare, uso i dispositivi per alleviare il dolore perché altrimenti questo ginocchio non mi dà pace. E poi li uso nei punti dove mi permettono di recuperare e di riposare meglio, visto i tempi stretti tra una gara e l’altra». L’obiettivo è quello di vincere la Coppa Europa e poi fare dei buoni risultati alla Coppa del Mondo. È un bel traguardo da raggiungere per l’atleta originaria di Enego che conclude: «Il Dr. Fabio Fontana è mio compaesano. Quando mi ha fatto conoscere questi dispositivi, ho capito che potevano aiutarmi. Grazie a loro la mia vita di atleta è cambiata tanto, perciò ringrazio il dottor Fontana di essere un genio, di avere avuto la mente così brillante da inventarli».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Asja Zenere, il recupero dagli infortuni grazie ad un'azienda della Castellana

TrevisoToday è in caricamento