menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Baby pit-stop: Ulss 2 e le Red Panthers sostengono l'allattamento al seno

Importante accordo siglato nelle scorse ore tra la squadra femminile di rugby trevigiano e l'Ulss 2 per un'importante campagna di promozione dell'allattamento al seno

Nuova sinergia tra sport e Ulss 2. Le Red Panthers, plurititolate trevigiane del Benetton Rugby, scenderanno in campo per promuovere la diffusione dei baby pit stop: gli ambienti riservati alle mamme ed ai loro bambini per l’allattamento e le operazioni ad esso collegate.

Il primo risultato è il baby pit stop presso lo stadio di Monigo, seguito da quelli che stanno sorgendo nelle aziende e nei locali appartenenti all’importante rete di sponsor della squadra femminile della palla ovale. L’iniziativa è stata presentata oggi a Treviso dal Direttore dell’Ulss 2 Francesco Benazzi, dalle Red Panthers con Elisa Facchini accompagnata da una rappresentanza della squadra, dalla rappresentante Unicef Mariella Andreatta. “Baby Pit Stop” è un progetto del comitato italiano dell’Unicef, cui ha aderito la Regione Veneto, mirato a incoraggiare, sostenere e proteggere la pratica dell’allattamento favorendo la nascita di spazi dedicati alle mamme ed ai loro bambini per accudire e nutrire al seno questi ultimi  anche fuori casa. Il baby pit stop è una stanza riservata e accogliente, dotata di una comoda poltrona ed un fasciatoio, a cui si accede gratuitamente. Non può contenere o proporre materiale pubblicitario di case produttrici di latte artificiale, pappe, tettarelle, biberon. Deve essere segnalato con indicazioni chiare e la vetrofania apposita dell’Unicef.

L’iniziativa, nella Marca, ha trovato l’interesse delle Red Panthers che hanno deciso di promuovere il progetto in tutto il territorio, iniziando dai loro sponsor. La risposta è stata immediata da parte dello Stadio di Monigo e il Parco degli Alberi Parlanti a cui si sono aggiunti e si stanno aggiungendo supermercati, bar, locali, esercizi vari e anche ambulatori veterinari. Ambienti analoghi sono presenti nei Pronto soccorso della provincia di Treviso. «Siamo donne fortunate – sottolinea Elisa Facchini delle Red Panthers - perché nella nostra strada abbiamo incontrato il rugby. Questo fantastico sport ci ha insegnato che se si lavora insieme la meta è più vicina. Siamo felici di mettere a disposizione il nostro vissuto, la nostra grinta, la nostra capacità di fare squadra per un progetto così importante. Al fianco di Unicef e Ulss 2 abbiamo già cominciato a promuovere e diffondere i baby pit stop, siamo sicure che le adesioni cresceranno. Noi ci siamo e ci mettiamo in prima linea». «Allattare al seno fa bene alla mamma e al suo bambino – sottolinea Francesco Benazzi, direttore generale dell’Ulss 2 – I pediatri ci dicono che è il modo più naturale, sano, completo e sostenibile per far crescere i nostri figli ed è il gesto d’amore che crea lo speciale legame tra mamma e figlio. Per questo, incoraggiare, sostenere e favorire la pratica dell’allattamento è un compito non solo delle famiglie ma anche dell’azienda sociosanitaria. Siamo molto orgogliosi di avere al nostro fianco in questa campagna le Red Panthers, a conferma che lo sport, ed il rugby in particolare, non è solo competizione sul campo o esibizione fuori di esso ma è abbracciare modelli di vita sani, consapevoli e di riferimento per tutta la comunità».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Casa

Ammoniaca vs Candeggina: chi uccide meglio i germi?

Attualità

Roncade: messo in vendita il centro commerciale Arsenale

Attualità

Covid alle superiori: «Metà dei contagi non è avvenuta a scuola»

Attualità

Scuola elementare "Ancillotto": «In isolamento tutte le classi»

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Raid nella notte, macelleria islamica data alla fiamme

  • Incidenti stradali

    Ciclista 45enne travolto e ucciso nella notte

  • Attualità

    Covid alle superiori: «Metà dei contagi non è avvenuta a scuola»

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento