Batterio killer: «Un caso su quattro dovuto a infezione»

A dirlo è il presidente di Obiettivo risarcimento Roberto Simioni che, dopo la vicenda del batterio killer in sala operatoria, chiede maggiore prevenzione nei presidi igenico-sanitari

Foto d'archivio

«Ci troviamo ogni anno ad affrontare l'azione di ristoro del danno da infezione nosocomiale: per noi si tratta di un caso su quattro. Purtroppo, mai come in questo caso, si tratta di eventi palesemente evitabili; ma la diffusione di una 'good practice' deve partire a monte e molto spesso si tratta di una lacuna culturale. Negli ospedali si investe spendendo molto in tecnologie ma poi quello che è il cosiddetto 'collaterale infettivo/batterico' finisce col provocare costi altissimi per rimediare ai molti danni alla salute dei pazienti che, come abbiamo visto in questi giorni, può arrivare purtroppo al decesso”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A dirlo è Roberto Simioni, presidente di Obiettivo risarcimento, leader in Italia nel tutoring (assistenza) a pazienti vittime di casi di malasanita’ evidenziando come più del 25% dei casi affrontati ogni anno dall'azienda sono causati da batteri. «La domanda da porsi - sottolinea Simioni - è quanto si spende realmente per la prevenzione perché spesso i batteri cosiddetti killer potrebbero venir ridotti o del tutto eliminati adottando i giusti presidi igienico-sanitari. Nel caso del mycobatterio - continua Simioni - per quanto raro si ritiene che vi sia una sottostima dei casi effettivamente contagiati per un difetto diagnostico che riduce la statistica. Si dovrebbe indagare con appositi questionari rivolti ai quanti si sono sottoposti ad interventi in via principale cardiochirurgici o a livello polmonare. Va sottolineato inoltre che il risarcimento rimane un sacrosanto diritto per il paziente colpito dal problema e l'ente sanitario da questo punto di vista è coinvolto direttamente e contrattualmente: quest'ultimo potrà rivalersi nei confronti delle società produttrici qualora si riuscisse a dimostrare che la contaminazione abbia origine dalla fase produttiva».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Superenalotto, doppia vincita nel weekend in provincia di Treviso

  • Con lo scooter contro un'auto, muore noto albergatore jesolano

  • Smart contro un camion: muore 32enne, l'amica alla guida non aveva la patente

  • Azienda trevigiana investe 2mila euro a dipendente per corsi e viaggi all'estero

  • Monfumo, Cornuda e Pederobba: raffica di allagamenti, strade come fiumi

  • Una folla commossa per dare l'ultimo saluto al piccolo Tommaso

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento