menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Packaging farmaceutico: H-Farm accelera sull'innovazione

Realizzato il primo progetto di product design targato H-Farm grazie al quale in soli 6 mesi sono stati realizzati 3 nuovi prototipi. Avviata la seconda fase del progetto

Prototipazione rapida e un approccio all'innovazione focalizzato sulle esigenze dei consumatori sono al centro del percorso di innovazione intrapreso da Bormioli Pharma al fianco di H-Farm. L'obiettivo è snellire il modello di business e il processo di realizzazione dei nuovi prodotti, sfruttando le opportunità offerte dal digitale per migliorare la produttività e l'efficacia.

Si tratta del primo progetto di product designrealizzato da H-Farm e sviluppato appositamente per Bormioli Pharma, azienda specializzata nel packaging primario in vetro e plastica per l’industria farmaceutica: una ricerca qualitativa sul campo, che ha coinvolto per la prima volta anche professionisti del settore medico e famiglie, e una ricerca tecnica per l’identificazione dei trend e casi studio più innovativi e rilevanti di settore, hanno permesso di comprendere le esigenze del consumatore finale e le modalità di interazione con il packaging farmaceutico. Un team multidisciplinare di Bormioli Pharma è stato poi coinvolto in un workshop della durata di 2 giorni, che ha portato alla definizione di tre brief progettuali sulla base dei quali i professionisti di H-Farm hanno sviluppato un percorso di progettazione e prototipazione rapida denominato Fast Factory, utilizzando,tra le altre, la tecnologia di stampa 3D.  A partire dai 12 diversi concept elaborati nel corso della prima fase del percorso sono stati realizzati tre nuovi prototipi, su cui è già stata avviata la domanda di brevetto, il tutto in tempi brevissimi: soli 6 mesi di lavoro. Il primo è Thread, un dosatore per sciroppo pediatrico dal design innovativo, che permette al consumatore di misurare i liquidi direttamente dal flacone tramite l’utilizzo di una sola mano.  Il secondo è Andy, un add-on per flaconi, che permette al consumatore di dosare e bere medicinali direttamente dal flacone, in pochi semplici passi. Ultimo, Plug, un dispositivo per la ricostituzione di farmaci parenterali che integra, in modo compatto, il flacone e permette di portare a termine l’operazione in totale sicurezza. Attraverso questo percorso di innovazione, articolato in più fasi, Bormioli Pharma ha potuto testare un nuovo modello di business, in cui i processi di ideazione e sviluppo prodotto vengono totalmente stravolti: il punto di partenza non sono più le esigenze di un singolo cliente, bensì quelle del consumatore finale, che vengono soddisfatte grazie a soluzioni tecnologicamente avanzate, in tempi rapidi e costi contenuti, ottenendo un notevole vantaggio competitivo rispetto ai competitor.

«L’esigenza di accelerare il nostro processo di innovazione nasce dalla volontà di rispondere alle esigenze dei pazienti e del mercato in modo rapido e puntuale - commenta Federico Piutti, Innovation Manager di Bormioli Pharma, e continua - grazie alla collaborazione con H-Farm non solo siamo riusciti a sviluppare prototipi di prodotto che rispondono a queste domande, ma abbiamo sperimentato un approccio strategico e operativo assolutamente replicabile, oggi parte integrante del nostro processo di innovazione». A distanza di poco meno di un anno dal workshop che ha dato il via alla collaborazione tra Bormioli Pharma e H-Farm, il 2020 rappresenta per le due aziende l’inizio di un nuovo ciclo di innovazione, che ad oggi vede in corso una prima fase di idea generation.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cronaca

    Coniglietto intrappolato nel camino: salvato dai pompieri

  • Eventi

    La lotta alla Mafia di Falcone e Borsellino raccontata da Pietro Grasso

  • Attualità

    Premio “Giuseppe Mazzotti” Juniores: prorogata la scadenza del bando

Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento