rotate-mobile
Mercoledì, 8 Febbraio 2023
Salute Centro / Via Cortese Francesco, 8

Carenza farmaci, alert per segnalare ai dottori le medicine non disponibili

FarmacieUnite propone al Governo e ad Aifa una soluzione per contrastare la mancanza di medicinali a livello nazionale. Il dottor Giacomazzi: «Importante sapere quali farmaci alternativi prescrivere»

Continua in tutto il territorio nazionale, provincia di Treviso inclusa, la carenza di farmaci. Martedì pomeriggio, 10 gennaio, i rappresentanti del Governo, del Ministero della Salute, dell’Agenzia Italiana del Farmaco, delle organizzazioni sindacali di settore, delle Regioni, ne hanno discusso in una videoconferenza convocata appositamente per cercare di gestire la situazione attuale.

«La diffusa mancanza di farmaci purtroppo continua non solo in ambito locale ma in tutto il territorio nazionale, ci sono carenze trasversali che interessano anche i più utilizzati come l’ibuprofene, ed altri. Io stesso ne ho avuto conferma con gli ultimi ordini effettuati per la mia farmacia, dove riscontro che la maggioranza di quelli che intendo ordinare non sono disponibili» spiega il dottor Maurizio Giacomazzi, segretario del sindacato nazionale Farmacieunite (con sede a Treviso), che ha partecipato alla videoconferenza. Alle parti convocate Giacomazzi ha elencato un lungo elenco di farmaci attualmente non disponibili, poi ha lanciato una proposta volta a cercare di aggirare la carenza: un “alert” che indichi ai medici prescrittori la criticità del medicinale richiesto in modo tale che questi possano indicare, di conseguenza, nelle ricette dei pazienti, farmaci alternativi. «Questo già avviene in vari gestionali nel momento in cui si procede all’ordine – continua Giacomazzi - quindi perché non utilizzare lo stesso metodo anche per il medico? Qualora lo stesso ravvisi la criticità, o l’assenza del medicinale da prescrivere, può indicarne uno o più alternativi in quanto anche gli equivalenti non sempre sono disponibili. È una proposta che guarda in primis alle necessità dei pazienti - conclude Giacomazzi - ed il farmacista professionista fornirà il farmaco all’utente nel più breve tempo possibile».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Carenza farmaci, alert per segnalare ai dottori le medicine non disponibili

TrevisoToday è in caricamento