Casa Marani, al via un corso di formazione in collaborazione con Advar onlus

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di TrevisoToday

Rendere il soggiorno dei propri residenti sereno, ma soprattutto stimolante con tante diverse attività, è la principale mission di Casa Marani. Che punta ad avere operatori sempre più qualificati e sta incrementando l’azione di sinergia con il territorio.

Le associazioni, in particolare, rappresentano un valore aggiunto a cui attingere come supporto alle diverse iniziative, ma anche per coltivare il concetto di prendersi cura delle persone in ogni fase della vita, compresa l’ultima. Advar onlus dal 1988 opera in questo delicato settore sia a domicilio che in Hospice (Casa dei Gelsi) e sarà proprio quest’associazione a condurre un corso di formazione dal titolo “Uno sguardo sul fine vita in Casa Marani”, con l’obiettivo di sensibilizzare il personale sanitario della struttura alla filosofia delle cure palliative. Un percorso che condurrà ad una migliore gestione della fase del fine vita nelle persone anziane, che consenta di prendere le decisioni etiche più giuste; di capire, se non anticipare, le necessità e gestire i sintomi più comuni perché il passaggio sia più dolce possibile. Il corso, a cui prenderanno parte gli OSS, i professionisti sanitari e i medici della struttura, e per i quali è stata prevista una formazione “su misura”, è composto da un ciclo di 6 incontri mensili di due ore ciascuno, differenziati in base alle qualifiche dei partecipanti. Nei giorni scorsi si è svolto il primo, l'ultimo è in programma a giugno.

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento