Focolaio Covid a La Madonnina di Treviso, 15 persone positive

Completati mercoledì 21 ottobre i tamponi al personale della struttura gestita dall'Ulss2. I 15 positivi sono così distribuiti: 5 al Sips, 5 in Medicina Legale, 3 Sian e 2 Spisal

La Madonnina di Treviso

E’ stato completato mercoledì 21 ottobre lo screening al Dipartimento di Prevenzione, sede della Madonnina di Treviso. Su un totale di 190 dipendenti sottoposti a tampone tra ieri e oggi sono risultati complessivamente positive 15 persone.

Ai 9 positivi di ieri (sulle prime venti persone testate) si sono aggiunte cinque persone che hanno effettuato il test ai Covid Point e un positivo emerso dallo screening effettuato oggi su 170 dipendenti. E’ in corso il contact tracing sui contatti stretti dei positivi. I 15 positivi sono così distribuiti: 5 al Sips, 5 in Medicina Legale, 3 Sian e 2 Spisal.  Lo screening sarà ripetuto a 5 e 10 giorni. «I dati dello screening odierno, con 1 solo positivo su 170 dipendenti testati confermano la tesi secondo cui il cluster ha un’origine esterna al Dipartimento – ha precisato il direttore, Stefano De Rui - Per quanto riguarda l’attività del Dipartimento prosegue in modo regolare, invito tutti gli utenti alla massima tranquillità: i contatti con il personale, peraltro per la quasi totalità negativo, sono brevi e non comportano alcun rischio di contagio, considerato anche l’utilizzo dei Dpi. A seguito dei casi rilevati abbiamo effettuato, per massima precauzione, anche una sanificazione straordinaria dei locali».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Remo Sernagiotto ricoverato al Ca' Foncello: «Condizioni disperate»

  • Malore improvviso al rifugio: 62enne muore tra le braccia della compagna

  • Zaia, nuova ordinanza: «Capienza ridotta in negozi e centri commerciali»

  • Pooh, nuovo disco dopo la morte di D'Orazio: «Le canzoni della nostra storia»

  • Se n'é andata Paola Maiorana, voce storica delle radio private trevigiane

  • Covid, Zaia: «Treviso è in area critica per i ricoveri ospedalieri»

Torna su
TrevisoToday è in caricamento