Disfunzioni del pavimento pelvico curabili con un solo intervento

Pubblicato su Archives of Gynecology and Obstetrics il lavoro dell'ospedale di Conegliano che permette di concentrare in un’unica seduta la correzione di problemi multicompartimentali

Le patologie legate alle disfunzioni del pavimento pelvico rappresentano un problema importante per i sintomi correlati, che incidono negativamente sulla qualità di vita delle donne. In genere, per risolvere queste problematiche le pazienti vengono sottoposte a più interventi chirurgici per la correzione del prolasso multicompartimentale.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Tra i pochi specialisti in Italia il dottor Antonio Azzena, primario dell’Unità Operativa di Ostetricia-Ginecologia dell'ospedale di Conegliano, e il dottor Michele Schiano di Visconte, proctologo sempre al Santa Maria dei Battuti, applicano, ormai da anni, un approccio “one stage surgery” che ha dato ottimi risultati: tale metodica permette di correggere, in un’unica seduta operatoria grazie alla contemporanea presenza dei due specialisti durante l’intervento, i difetti dei tre compartimenti del pavimento pelvico (anteriore, centrale e posteriore). Tra le patologie più comuni tra quelle trattate in modo multidisciplinare all'ospedale di Conegliano il prolasso uterino, l’incontinenza urinaria, il prolasso della vescica e del retto, la defecazione ostruita. La metodica chirurgica proposta e i risultati del follow up a dieci anni delle pazienti operate sono stati recentemente pubblicati su una prestigiosa rivista internazionale,  Archives of Gynecology and Obstetrics, nell’articolo “A 10 year retrospective cohort study to assess objective and subjective outcomes of combined stapled transanal restal resection and urogynecological surgery for pelvic floor dysfunction. «I risultati che abbiamo ottenuto, studiando una sessantina di pazienti – sottolineano i due professionisti - confermano la validità della metodica adottata che presenta notevoli vantaggi per le pazienti, sottoposte a un unico intervento anziché a due sedute operatorie con relativa anestesia.. La medicina è sempre  più multidisplinare: nell'affrontare le patologie del pavimento pelvico è particolarmente importante la collaborazione tra ginecologi, proctologi, fisioterapisti, urologi, radiologi». 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, Zaia: «Treviso sta entrando nella terza fascia di emergenza»

  • Torna l'ora solare, quando vanno spostate le lancette

  • Nuovo Dpcm, Conte ha firmato: ecco che cosa cambia da lunedì

  • La fortuna bacia un trevigiano: vinti 300 mila euro al "Miliardario"

  • Pranzo tra amici si trasforma in un focolaio Covid: trovati quindici positivi

  • Questo è il periodo della zucca: 4 ricette tipiche buonissime

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento