rotate-mobile
Mercoledì, 18 Maggio 2022
Salute Sant'Antonino / Piazzale dell'Ospedale

Epatite C, screening gratuito in Veneto per i nati dal 1969 al 1989

Da lunedì 16 maggio i cittadini potranno sottoporsi gratuitamente al test. In Veneto si stima possano essere fino a 13mila le persone con l'epatite. Zaia: «La prevenzione è la prima di tutte le cure»

Lunedì 16 maggio prossimo partirà in Veneto lo screening gratuito per l’epatite C, rivolto a tutte le persone nate tra il 1969 e il 1989. Questo screening rappresenta un’opportunità per la diagnosi precoce di una malattia che spesso può rimanere silenziosa per anni. Se non curata, questa patologia può provocare seri danni al fegato, tra cui il tumore e la cirrosi epatica. Da alcuni anni sono disponibili dei farmaci orali che permettono di curarla in modo semplice, efficace e con pochi effetti collaterali.

Il test

Lo screening sarà avviato in tutte le Ulss della regione, i cittadini nati tra il 1969 ed il 1989 potranno partecipare gratuitamente, sottoponendosi ad un esame del sangue che ricerca la presenza di anticorpi contro il virus dell’epatite C (HCV), causa della malattia. Il test potrà essere eseguito insieme ad altri esami del sangue oppure potrà essere prenotato direttamente presso i laboratori identificati dalle Aziende, anche senza impegnativa. In alternativa il cittadino potrà decidere di attendere la lettera di invito allo screening che gli arriverà a casa. Ulteriori informazioni riguardo alla partecipazione allo screening sono disponibili nei siti web delle aziende sanitarie. In caso di positività all’esame del sangue, lo screening regionale offrirà esami di approfondimento e visite specialistiche. Il cittadino sarà accompagnato lungo tutto il percorso, dai primi esami all’eventuale diagnosi di epatite C, fino al trattamento in un centro regionale specializzato. Il percorso sarà completamente gratuito, senza pagamento del ticket. L’iniziativa, infatti, si inserisce in un progetto nazionale finanziato dal Ministero della Salute, con l’obiettivo di eliminare il virus HCV dal territorio nazionale.

I commenti

«Non è ancora conclusa la battaglia contro il Covid, un lavoro durissimo che ci impegna a tutti i livelli da oltre due anni - sottolinea il presidente Luca Zaia - ma non abbiamo distolto l’attenzione da tutti gli altri fronti dell’offerta di prevenzione e cure ai cittadini. La sanità veneta prosegue il suo lavoro dando risposte di eccellenza a tutto campo. Le campagne di screening si confermano un caposaldo dell’attività sanitaria. Questa contro l’epatite C interessa una parte non trascurabile della popolazione ed è lo strumento per una diagnosi precoce in grado di contrastare l’insorgenza di ulteriori patologie tra le quali i subdoli tumori epatici. Anche in questo caso, in Veneto cerchiamo sempre di fare il massimo per curare tutte le persone che ne hanno bisogno, e la prevenzione è la prima di tutte le cure».

«La disponibilità dal 2014 anche nel nostro paese dei farmaci antivirali orali ad azione diretta per la terapia dell’epatite C ha aperto un modello efficace per curare i pazienti infetti con cicli specifici di trattamento - sottolinea l’assessore regionale alla Sanità, Manuela Lanzarin -. Grazie alla campagna di screening che prende le mosse il 16 maggio prossimo, in Veneto sarà possibile rilevare le infezioni non ancora individuate e trattarle precocemente. È un programma reso possibile dai traguardi raggiunti dalla ricerca scientifica e dalla preparazione della nostra macchina sanitaria già affermatasi in programmi di prevenzione e terapia simili che hanno dato ottimi riscontri nel contrasto di altre patologie. Sono certa che la risposta dei Veneti interessati non mancherà e la nostra regione potrà rendersi protagonista di una nuova affermazione nel campo della salute».

I numeri

I cittadini del Veneto nati tra il 1969 ed il 1989, che hanno diritto allo screening gratuito, sono circa 1 milione e 300mila. I più recenti studi stimano che lo 0,5-1% della popolazione italiana in età di screening sia affetto da epatite C. Ci si può attendere, quindi, che le persone con infezione da Hcv in Veneto siano tra le 6.500 e le 13mila a seconda delle stime. Molte di queste non sarebbero a conoscenza di essere malate. Lo screening permetterebbe la loro identificazione e cura. Oltre ai nati tra il 1969 e il 1989, lo screening riguarderà anche quelle in cura presso i Servizi pubblici per le dipendenze (Ser.D.) e quelle detenute in carcere. Questi gruppi di persone presentano un rischio maggiore di avere l’infezione. Per tale motivo, in queste categorie, non è previsto un limite di età per la partecipazione allo screening. Il test sarà offerto direttamente presso i Ser.D. e le carceri della Regione

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Epatite C, screening gratuito in Veneto per i nati dal 1969 al 1989

TrevisoToday è in caricamento