Protesi all'avanguardia: premiato lo studio dell'ospedale di Conegliano

L'utilizzo e la ricerca sulle protesi metalliche nelle stenosi maligne dello stomaco e del duodeno, pubblicate nella più prestigiosa rivista di endoscopia digestiva mondiale

Pubblicato sulla più prestigiosa rivista di endoscopia digestiva mondiale, Gastrointestinal Endoscopy, un importante articolo, frutto del lavoro di mesi condotto nell’ambito dell’Unità Operativa di Gastronterologia dell’Ospedale di Conegliano,  sull’utilizzo delle protesi metalliche nelle stenosi maligne dello stomaco e del duodeno.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La rivista è ad alto impatto per la diffusione scientifica e vengono pubblicate tutte le linee guida della società americana di endoscopia digestiva (ASGE) che rappresentano un punto di riferimento per tutti i gastroenterologi ed endoscopisti nel mondo. Lo studio è stato ideato e condotto dal primario, dottor Alberto Tringali e dalla dottoressa Deborah Costa della Uoc di Gastroenterologia di Conegliano, con la partecipazione dell’Humanitas di Milano (professor Alessandro Repici, dottor Andrea Anderloni e la dottoressa Silvia Carrara) e del dottor Douglas Adler dell’University of Utah. «Le stenosi gastroduodenali - spiega il dottor Tringali - sono prevalentemente dovute ai tumori gastrici e del pancreas e determinano, nei pazienti affetti ed inoperabili, vomito ed impossibilità ad alimentarsi. Il posizionamento della protesi consente al paziente di ripristinare la normale alimentazione e migliorare la qualità di vita, sempre nell’ambito di  un trattamento palliativo. La nostra revisione sistematica ha incluso molteplici studi arrivando, per la prima volta, alla conclusione che il posizionamento di protesi metalliche ricoperte di ultima generazione, a differenza di quelle scoperte, consente di migliorare la pervietà della protesi ed evitare una nuova procedura».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid-19: allarme arancione in Veneto, Zaia temporeggia sull'ordinanza

  • Covid, Zaia: «Treviso sta entrando nella terza fascia di emergenza»

  • Torna l'ora solare, quando vanno spostate le lancette

  • Nuovo Dpcm, Conte ha firmato: ecco che cosa cambia da lunedì

  • Pranzo tra amici si trasforma in un focolaio Covid: trovati quindici positivi

  • Zaia, nuova ordinanza per le scuole superiori: «Didattica digitale al 75%»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento