menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
In foto l'equipe di Chirurgia Protesica diretta dal dottor Giovanni Callea

In foto l'equipe di Chirurgia Protesica diretta dal dottor Giovanni Callea

Interventi di protesi all'anca e al ginocchio: Monastier prima in Veneto

Pubblicata la classifica Pne del Ministero della Salute: «Pazienti in piedi dopo poche ore grazie a tecniche chirurgiche all'avanguardia e alla competenza del personale sanitario»

L'aumento dell'aspettativa di vita e le mutate abitudini delle persone determinano anche un incremento delle patologie di tipo degenerativo e traumatico dell’apparato locomotore. Tra tutte le artrosi, quella all'anca, è la patologia degenerativa maggiormente incidente: oltre il 50% di casi. Ne consegue l’aumento di interventi chirurgici di protesi.

La casa di cura “Giovanni XXIII”, ora ospedale di Monastier, è la struttura regionale che ha effettuato il maggior numero di interventi di protesi all'anca in Veneto. Il dato emerge dal Programma Nazionale Esiti (Pne) del Ministero della Salute diffuso in questi giorni. Nel corso del 2019, l’equipe della chirurgia protesica coordinata dal Dottor Carlo Callea della quale fanno parte i dottori Angelo Genova, Roberto Corezzola, Andrea Maggi, Mirko Marchiori, Massimo Zona, Marco Filipputti, Ettore La Bruna, Marco Pavan, Massimo Di Giuseppe e Giustino Piccirillo, ha effettuato 793 interventi di protesi d’anca e 786 interventi di protesi di ginocchio, collocando la struttura di Monastier al 1° posto per protesica anca/ginocchio nella regione Veneto e al 6° posto della classifica nazionale Pne del Ministero della Salute. Le tecniche utilizzate sono in continua evoluzione anche in relazione ai materiali sempre più affidabili meccanicamente e biocompatibili. Questo consente di rivolgersi ad una popolazione più giovane che necessita di una ripresa funzionale precoce. Tecniche chirurgiche a ridotta invasività tessutale ed ancor più ossea  consentono minor stress operatorio al malato e quindi una minore rischiosità anche in virtù di una più rapida ripresa funzionale. Un paziente che entra nella sezione di chirurgia protesica di Monastier, per intervento di protesi all’anca o di ginocchio, spesso, è già in piedi dopo poche ore dall’intervento e questo anche grazie agli aggiornamenti continui e all’esperienza pluriennale di tutto il personale sanitario dell’equipe di chirurgia protesica di Monastier. Dopo la chirurgia si ricorre al processo riabilitativo in cui l’operato diviene soggetto attivo. Il reparto fisioterapico, con la nuova palestra del “Giovanni XXIII” diretto dal dottor Alessandro Mario Munari consente all’operato, attraverso opportune ed attuali metodiche riabilitative, di riprendere le normali attività già dopo poche settimane.

Equipe Medicina Riabilitativa diretta da dottor Munari Giovanni XXIII Monastier-2

«La forza del percorso riabilitativo sta nella multidisciplinarietà di una équipe coesa di medici ortopedici e fisiatri e nella collaborazione continua di tutto il personale medico con i fisioterapisti e gli infermieri che, insieme alle tecniche operatorie e riabilitative, rendono più rapido, ma nello stesso tempo umano, il periodo di ospedalizzazione - fa sapere il dottor Alessandro Mario Munari, responsabile del reparto e del servizio di Medicina fisica e riabilitativa del “Giovanni XXIII”- Il paziente al centro del percorso riabilitativo individuale si sente già come se fosse a casa, inserito nel proprio ambiente quotidiano, rendendo più veloce il recupero psicofisico post intervento». Nella nuova palestra del reparto di medicina riabilitativa di Monastier è presente anche un’innovativa strumentazione robotica: “Hunova”. Attraverso un avatar accelera i tempi di recupero restituendo l’autonomia nel cammino e migliorando i risultati del trattamento dopo interventi chirurgici ortopedici o traumi sportivi e del trattamento di patologie degenerative articolari dell’anziano o di eventi neurologici come l’ictus. «Da parecchi anni ormai nella nostra struttura si sta consolidando il concetto di “scuola" diretta da un grande chirurgo ortopedico, il dottor Carlo Callea, impegnato da oltre 40 anni, nel migliorare la qualità del servizio offerto e di conseguenza la qualità di vita del paziente - ribadisce Gabriele Geretto, amministratore delegato dell'ospedale “Giovanni XXIII” di Monastier - Ringrazio quindi le nostre equipe, formate non solo da medici ma anche da infermieri e operatori sanitari, per la professionalità e dedizione. Elementi essenziali per raggiungere risultati talmente importanti da farci collocare tra le migliori strutture in Italia in ambito chirurgico-ortopedico».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Amazon, due nuovi depositi di smistamento nella Marca

Attualità

L'Arsenale di Roncade ceduto al fondo francese C-Quadrat

Ultime di Oggi
  • Attualità

    Zona gialla dal 26 aprile, Confcommercio: «Grande iniezione di fiducia»

  • Incidenti stradali

    Scontro in A4 tra due tir e un'auto: morto sul colpo

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento