Nuove assunzioni allo Iov, i sindacati: «Non penalizzate gli stipendi dei lavoratori»

Il segretario della Fp Cgil, Ivan Bernini, commenta con un monito importante la notizia dell'aumento di personale all'Istituto oncologico Veneto. Meno pessimista Silvia Rizzotto

Ivan Bernini (Foto d'archivio)

La scelta della Regione di investire sull'Istituto Oncologico Veneto, ampliandone attività e personale, ha determinato la riduzione di posti letto nell'ospedale di Castelfranco attribuendoli allo Iov e il trasferimento di ramo d’azienda, concretizzato con il passaggio di unità operative e personale dall'Ulss della Marca all’Irccs Veneto. Fin da subito, e in particolare quando si sono avviate le procedure di trasferimento del personale, sono emersi alcuni nodi che riguardano, tra l’altro, le diverse retribuzioni: differenze retributive determinate non dal trattamento base, essendo lo stesso contratto di riferimento, ma dal salario accessorio. 

«Come Funzione pubblica Cgil – spiega il segretario generale Ivan Bernini – abbiamo avanzato delle richieste in merito: quella di non trasferire dall’Ulss 2 allo IOV più risorse di quanto dovute sulla base del numero dei lavoratori trasferiti determinando una penalizzazione per i lavoratori dell’Ulss in termini di salario accessorio e di non sfavorire economicamente i lavoratori trasferiti loro malgrado con un riallineamento del trattamento economico verso il basso. E le parole dell’assessore Manuela Lanzarin – sottolinea Ivan Bernini – sembrano andare in questa direzione, rassicurando sul fatto che la Regione intende praticare un investimento con incremento di personale. Impegno confermato anche dai direttori generali delle due strutture in questione. L’elemento di criticità che riscontriamo anche in questa operazione, come avvenuto in precedenza con la riduzione delle Ulss – aggiunge Bernini –, sta nel non aver considerato a priori, anche attraverso il coinvolgimento delle parti sindacali, una programmazione sulle risorse necessarie a portare a termine gli interventi strategici senza penalizzazioni economiche per i lavoratori. Agendo di rincorsa e non di anticipo. In altri termini riteniamo non solo che si deve accelerare il percorso che porta al risultato di riallineare le retribuzioni per omogeneizzare i trattamenti economici dei lavoratori delle due aziende coinvolte, ma è altresì necessario operare un rendiconto anche rispetto alle Ulss trevigiane, oggi fuse nell’Ulss 2 – conclude Bernini – incrementando le risorse al fine di garantire proprio quegli investimenti strategici sui quali la Regione del Veneto ha già fatto delle scelte e sulle quali, oggettivamente, esiste ancora uno scarto tra principi stabiliti e risultati».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il commento di Silvia Rizzotto

«I pazienti oncologici veneti chiedono maggiori cure ed attenzioni. E la Regione Veneto risponde in maniera positiva e pragmatica: dopo il finanziamento della nuova ala con polo tecnologico d'avanguardia ed eccellente strumentazione di diagnostica e di cura, allo Iov di Castelfranco sono stati appena finanziati altri 23 milioni di euro per l'incremento del personale. Abbiamo così impreziosito questo nostro gioiello nella strada verso l'eccellenza sanitaria della Marca». E' il commento pieno di entusiasmo di Silvia Rizzotto, capogruppo in Regione della Lista Zaia Presidente, dopo che la decisione di stanziare la somma di denaro necessaria ad assumere nuovo personale medico ed amministrativo, presso il reparto Iov dell'ospedale San Giacomo di Castelfranco Veneto. «La domanda di poter accedere alle prestazioni sanitarie qui a Castelfranco è aumentata, sia da parte di assistiti locali, che da parte di pazienti fuori regione; la nostra realtà territoriale ha la fortuna di essere una delle due sedi eccellenti di un reparto importante e delicato come quello dello Iov. Quando cresce la domanda, aumentare l'offerta ed efficentarla al massimo diventa un obbligo morale, un dovere da sana Amministrazione Regionale ed un atto di buonsenso. Noi, con Castelfranco Veneto, stiamo andando oltre puntando alla eccellenza - Rizzotto chiude ringraziando calorosamente - Un grazie al presidente Zaia, sempre presente sul pezzo e giocatore vincente delle partite di qualità come questa e all'Assessore Lanzarin.  Castelfranco Veneto rappresenta il territorio dove vivo e dove ogni giorno mi confronto per ascoltare le esigenze del territorio,: questa dello Iov è una opportunità di sviluppo incredibile che dobbiamo valorizzare al massimo».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cade nelle acque del Sile, fugge in treno e lo ritrovano a Bassano

  • Oliviero Toscani: «Chi vota Zaia forse è ubriaco, anche i veneti diventeranno civili»

  • Grandine e vento forte, il maltempo torna a colpire la Marca

  • Tragico schianto col furgone nella notte: 62enne muore a pochi metri da casa

  • Male incurabile, il sorriso di mamma Liliana si spegne a 47 anni

  • Distributore di bevande trovato morto nel suo camion

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento