Quattro nuovi ecografi negli ospedali della Marca: tecnologia al servizio dei pazienti

Investimento di ben trecentomila euro per l'acquisto di quattro nuovi macchinari destinati ai pronto soccorso e ai reparti di chirurgia, senologia e angiologia della nostra provincia

TREVISO Un ecografo intraoperatorio per la chirurgia del fegato e tre ecografi multidisciplinari per la Senologia, il Pronto Soccorso e l’attività ambulatoriale specialistica, tutti di ultima generazione e recentissima introduzione sul mercato, sono entrati in funzione nel distretto Treviso dell’Azienda Ulss 2. Un investimento complessivo di trecentomila euro molto importante per le strutture della provincia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Destinate a diversi ospedali del Distretto di Marca, le nuove attrezzature sono già entrate in funzione da qualche giorno. Si tratta di quattro apparecchiature nuovissime, dotate di tecnologie innovative a beneficio dei pazienti. L'ecografo intraoperatorio (mod. Arietta V70 Hitachi) è costato 128 mila euro ed è stato destinato al reparto di 4° Chirurgia. Dedicato all’indagine tramite immagini a scopo chirurgico, è impiegato specialmente nella chirurgia epatobiliopancreatica e dell’area anorettale. Pensato per la miglior integrazione possibile tra il lavoro umano e quello della macchina, garantisce un’ottima risoluzione e, pensato appositamente per la sala operatoria, rende accessibile le visualizzazioni anche nelle situazioni ambientali e operatorie più difficili. I tre ecografi multidisciplinari (Aplio 300 Platinum Toshiba-Canon). sono invece costati complessivamente 158 mila euro. Le tre nuove apparecchiature sono state destinate rispettivamente al Centro Senologico, al Pronto Soccorso radiologico del Ca’ Foncello e all’Ambulatorio Angiologico del Poliambulatorio di Borgo Cavalli. Nei tre ambiti, l’elevatissima definizione delle immagini prodotte consente studi molto approfonditi sulla base delle necessità. In campo senologico, in particolare, l’esame della mammella è molto particolareggiato grazie alla dotazione di sonde specifiche e a specifici programmi che consentono una migliore caratterizzazione dei tessuti in particolare per quanto riguarda i noduli. Più performante, ora, è anche la consulenza radiologica di Pronto Soccorso, grazie alla grande praticità dell’apparecchio e le immagini di elevatissima risoluzione che fornisce. In campo angiologico, infine, il vantaggio è rappresentato dall’ottima visualizzazione delle strutture vascolari, sulla base di una specifica tecnologia allo scopo brevettata. “Con questo investimento – sottolinea il direttore Francesco Benazzi – teniamo fede all'impegno di mantenere il livello qualitativo dei servizi a vantaggio dei cittadini così come quello di mantenere al corso con i tempi le tecnologie sanitarie. Si tratta di apparecchiature di ultima generazione, eccezionalmente innovative nel loro campo. La tecnologia negli ultimi ha avuto un’evoluzione molto superiore a quello che avevamo immaginato con le ipotesi più avveniristiche. Rimanere al passo con i tempi è nostro dovere verso i nostri pazienti, continuando ad integrare e aggiornare il nostro parco di attrezzature sanitarie”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, il Friuli Venezia Giulia la regione che resta di più a casa

  • Supermercato troppo affollato, scatta la chiusura per cinque giorni

  • Coronavirus, ecco tutti i check-point per la consegna delle mascherine della Regione

  • Coronavirus, scomparso storico commerciante di ricambi d'auto

  • Coronavirus, addio al maestro di sci Silvio Baratto

  • Coronavirus, ecco l'elenco di tutte quelle attività che restano aperte post Decreto

Torna su
TrevisoToday è in caricamento