Salute

Salute web fest: si è conclusa la prima edizione

225mila visualizzazioni in 5 giorni di appuntamenti

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di TrevisoToday

E’ volta al termine la prima edizione del Salute Web Fest, 50 appuntamenti online su temi di Etica, Salute, Innovazione e Benessere. A chiudere la cinque giorni, partita nel segno dell’innovazione con Roberto Ascione, è stato l’intervento dell’economista ed editorialista Carlo Cottarelli, che ha parlato della rinascita economica e sociale del nostro Paese. La manifestazione, promossa e firmata WebSalute.it, ha registrato la partecipazione di 225mila utenti (dati in aggiornamento). Tutti gli interventi resteranno fruibili gratuitamente sui portali WebSalute e Vvox e su tutti i relativi canali social. «I risultati di questa prima edizione sono molto incoraggianti ̶ sottolinea Daniela Boresi, ideatore e direttore del Fest ̶ . Si è parlato di pandemia in modo propositivo, fornendo anche alcune soluzioni per il futuro. Il filo conduttore è stato infatti quello di leggere il passato e il presente per progettare un domani innovativo e performante. L'idea di suddividere il dibattito in appuntamenti "personalizzati", nei quali ogni relatore fosse protagonista unico, si è rivelata vincente». Cinque i focus che hanno caratterizzato le singole giornate, che hanno avuto inizio alle 9.00 sino alle 19.45: il Diritto-Dovere alla Salute, la Bioetica e la Ricerca in tempo di pandemia, Innovazione in Medicina, Giovani e stili di vita, la Ripartenza: Start-up e nuove opportunità. Un evento, il SALUTE WEB FEST, nato con l’obiettivo di fornire una risposta al caos generato dal susseguirsi di numerosi e spesso contradditori e confusionari messaggi. Da qui l’esigenza di offrire un punto d’incontro e di dialogo tra i cittadini e gli esponenti del mondo sanitario, ma non solo. Esperti e rappresentanti istituzionali si sono dati appuntamento in un unico grande evento il cui fine rimane la promozione e diffusione dei corretti stili di vita, il racconto della ricerca attuale e i suoi passi futuri, e che mira soprattutto a divenire la voce dei principali protagonisti e opinion leader di ogni singolo settore trattato. Ad aprire e chiudere i lavori di ogni singola giornata sono state delle sessioni di Yoga e Pilates. Giovedì 6 maggio 2021 Salute tra diritti e doveri Relatori: Maria Emilia Bonaccorso (ANSA Salute), Roberto Ascione (CEO Healthware Group), Stefano Vella (infettivologo), Nelli Vanzan Marchini (storica e scrittrice), Fabrizio Pregliasco (Virologo), Carlo Foresta (andrologo, direttore centro Crioconservazione), Red Canzian (Pooh) Un vero e proprio excursus nel nostro sistema sanitario. La giornata ha voluto fornire agli utenti un quadro dettagliato ed evolutivo della sanità italiana, dalle origini ad oggi: da quanto introdotto ai tempi della Serenissima nel campo della medicina, e ripercorso dalla storica e scrittrice veneziana Vanzan-Marchini, sino al futuro della salute e alle più innovative tecniche nel campo della ricerca e della digital health. Un filo conduttore questo grazie al quale è stato possibile ripercorrere, tra passato e futuro, diritti e doveri del nostro bene più prezioso: la salute. Il Covid ha inevitabilmente impattato sulla medicina e la scienza, rivoluzionando abitudini, società e la ricerca stessa. Ma anche e soprattutto il modo di comunicare le scienze e l’emergenza sanitaria. E di questo ne ha parlato il virologo Pregliasco. Ma se la pandemia ha in qualche modo “fermato” il mondo, la ricerca non ha mai smesso di guardare oltre. E quale miglior modo se non rivolgendosi alle nuove generazioni, con un focus sul futuro della procreazione? Venerdì 7 maggio 2021 Bioetica e ricerca in tempo di pandemia Relatori: Luigi Bertinato (ISS), Donato Greco (epidemiologo), Andrea Bellon (Presidente Federfarma Veneto), Giampietro Rupolo (Croce Rossa Nord Est/CRI Padova), Luigi Cavanna (Testimonial Nobel per la pace a medici e infermieri), Don Renzo Pegoraro (Pontificia Accademia per la Vita), Giovanni Apolone (IRCCS Istituto Nazionale Tumori Milano) Se la pandemia è destinata a rimanere, pur nella sua drammaticità, una tappa storica, altrettanto lo sono i progressi, in tempi rapidissimi, messi a segno dalla ricerca e dalla scienza con l’immissione sul mercato di un farmaco scudo per contrastare la diffusione del virus. Novità quest’ultima che ha aperto una nuova fase storica, con una vera e propria rivoluzione in ambito farmaceutico, e che ha previsto anche il coinvolgimento delle farmacie e dei farmacisti nella più grande campagna di screening e vaccinale della storia. Ma non solo i farmacisti hanno giocato un ruolo chiave, ma ovviamente medici, infermieri e, non ultimi, i volontari. Di questo e molto altro si è discusso in questa giornata con i principali rappresentanti ed esperti in materia. Sabato 8 maggio 2021 Innovazione in medicina Relatori: Igino Andrighetto (Docente Produzioni Animali Unipd), Claudio Ronco (Direttore IRRIV, Direttore UOC Nefrologia Dialisi e trapianti Ulss 8 Berica), Luca Cancian (Radiologo e oncologo), Stefano Chiaramonte (Nefrologo), Cecilia Gasdia (Sovrintendente Fondazione Arena), Teresa Gasparetto (CORIS), Paolo Borchia (Eurodeputato) Medicina fa rima con progresso. Di conseguenza, l’innovazione tecnologica applicata alla ricerca non poteva non essere posta al centro del Salute Web Fest. Il riferimento non è soltanto alle più recenti scoperte realizzate per contrastare la lunga battaglia al Covid e le misure di sicurezza e prevenzione studiate per riportare al concetto di “normalità” la società tutta, ma anche e in particolar modo quelle che sono le nuove tappe sempre più indispensabili per garantire il diritto alla salute e alla vita di tutti gli esseri viventi. Non è mancato infatti il focus dedicato alle innovazioni in campo animale, sino al singolare progetto a livello europeo LifeLab, che vede capofila il Veneto, incentrato sulla rigenerazione di organi e tessuti e la creazione di organi artificiali. Domenica 9 maggio 2021 Giovani e stili di vita Relatori: Marco Mestriner (ANED Sport), Franco Secchieri (Glaciologo e geologo), Emanuele Alecci (Presidente CSV Padova), Guido Quici (Presidente CIMO-il sindacato dei medici), Mauro Cinquetti (pediatra, gastroenterologo, neuropsichiatra infantile), Emanuele Scafato (ISS/OMS), Paolo Luigi Garavelli (Primario Malattie infettive ospedale Maggiore – Novara) Se si parla di salute e stili di vita salutari, non si può non guardare alle nuove generazioni. Proprio i giovani infatti sono i portabandiera dei grandi passi sino ad oggi compiuti dalla medicina e dalla scienza nel campo della ricerca. La giornata non ha potuto quindi non includere un focus su uno dei fattori più importanti per questa e le future generazioni: la salute dell’ambiente. E se di stili di vita e giovani si parla, allora l’attenzione su uno dei temi che più allertano gli esperti, come l’alcool-dipendenza in età precoce, è risultato nevralgico. Non poteva mancare un focus ancora sulla pandemia e il suo impatto sulle fasce d’età più basse, sino al tema della vita post-trapianto e del ritorno alla “normalità” per i giovani trapiantanti. Lunedì 10 maggio 2021 La ripartenza, open innovation e nuove opportunità Relatori: Giovanni Leoni (FNOMCeO, OMCeO Venezia), Manuela Lanzarin (Assessore alla Sanità e al Sociale Regione Veneto), Francesco Vaia (Dir. Sanitario Spallanzani), Giuseppe Quintavalle (dg Policlinico Tor Vergata), Silvio Garattini (Presidente Istituto Mario Negri), Fabio Miraglia (docente Economia e Innovazione sanitaria, Presidente Cluster CHICO), Carlo Cottarelli (economista) Ripartenza: proprio su una delle parole più usate nel corso degli ultimi mesi si è deciso di incentrare l’incontro conclusivo del Fest, che si è posto quale “ponte” tra l’oggi e l’imminente futuro, proprio a seguito della così rinomata “terza ondata”. Non potevano mancare in tal senso gli interventi di rappresentanti del panorama sanitario nazionale, quali nel caso specifico il direttore sanitario dello Spallanzani Vaia, il Vicepresidente FNOMCeO Leoni o il Presidente del Mario Negri Garattini, per discutere l’uscita dalla fase più acuta della pandemia e le possibilità di ripresa dall’emergenza. A doversi riprendere però non è soltanto il sistema sanitario, ma anche e soprattutto quello economico: da qui il coinvolgimento, oltre che di uno dei massimi esperti in materia quale Carlo Cottarelli, anche di esponenti del mondo legal e imprenditoriale per affrontare a 360° la ripartenza, tanto attesa e ora pronta a tagliare il suo primo traguardo. SALUTE WEB FEST ha ricevuto il patrocinio di: Istituto Superiore di Sanità, FNOMCeO, OMCeO Venezia, Federfarma Veneto, ANED.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Salute web fest: si è conclusa la prima edizione

TrevisoToday è in caricamento