menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto d'archivio

Foto d'archivio

Operatori socio-sanitari: in Veneto pronti duemila posti di lavoro

Il 2 ottobre si terranno in tutta la Regione le selezioni per quasi duemila aspiranti giovani in cerca di un posto di lavoro come operatori socio-sanitari. Molti i posti disponibili

TREVISO Si svolgeranno martedì 2 ottobre le selezioni sull’intero territorio regionale per accedere ai corsi per operatori socio-sanitari approvati dalla Regione Veneto e realizzati dagli organismi di formazione accreditati in collaborazione con gli enti di assistenza del territorio.

La prova scritta, che si articola in una serie di quesiti a risposta multipla e a risposta aperta, si svolgerà in sedi diverse ma in un’unica data per tutto il Veneto e avrà inizio alle ore 10 del mattino. Gli organismi di formazione riceveranno, qualche minuto prima, il testo della prova scritta elaborata dalla Regione in due versioni contenenti le stesse domande. A seguito del superamento della prova scritta, gli aspiranti corsisti sosterranno un colloquio individuale mirato a evidenziare la motivazione e l’orientamento al ruolo dell’OSS. Sulla base delle risultanze saranno stilate le graduatorie secondo le quali saranno costituiti i 66 corsi previsti dalla programmazione 2018, che inizieranno nel mese di novembre. Prenderà così avvio un nuovo ciclo formativo per circa 1900 nuovi operatori socio-sanitari che troveranno impiego nelle case di riposo, centri per anziani, ceod, ospedali e servizi territoriali. La programmazione triennale dei percorsi per OSS prevede la realizzazione di 176 corsi nell’arco del triennio 2017-2019 per formare, secondo i dati sul fabbisogno di OSS dichiarato dalle associazioni datoriali del Veneto, 5280 nuovi operatori. Per molti giovani e persone in età adulta, la partecipazione ai percorsi formativi per OSS rappresenta una concreta prospettiva di occupazione anche in tempi piuttosto rapidi. È stato infatti rilevato che numerosi corsisti, prima ancora di aver sostenuto l’esame di qualifica, sono stati richiesti per essere impiegati nelle strutture presso le quali hanno effettuato le attività di tirocinio. 

Nel dettaglio, lo scorso anno hanno preso  avvio 57 corsi per 1616 allievi, così distribuiti nelle sette province venete: Treviso, 12 corsi per 343 allievi; Belluno, 4 corsi per 86 allievi; Verona, 9 corsi per 258 allievi; Venezia, 8 corsi per 238 allievi; Vicenza, 11 corsi per 320 allievi; Padova, 10 corsi per 283 allievi; Rovigo, 3 corsi per 88 allievi. Alla data del 12 settembre 2018, a fronte di 1980 posti previsti per 66 corsi, risultano 2421 gli iscritti alla prova di selezione. Ma l’interesse manifestato per i percorsi per OSS è distribuito sul territorio regionale in modo alquanto disomogeneo: a Padova e Rovigo, per esempio, ci son  molti più iscritti rispetto ai posti programmanti, mentre in altre province, ad esempio Vicenza, il numero attuale degli iscritti  è inferiore all’offerta formativa e alcuni corsi rischiano di andare deserti. “La Regione Veneto, e in particolare l’assessorato al lavoro e alla formazione – dichiara la titolare dell’assessorato, Elena Donazzan – sta investendo molto in un piano organico e strutturale di qualificazione degli operatori per l’assistenza, con il duplice obiettivo di garantire servizi di qualità all’utenza e uno sbocco professionale a migliaia giovani e adulti  Gli OSS rappresentano le figure cardine della sanità e dei servizi sociali, indispensabili nell’affiancare medici e infermieri, nella cura di anziani, disabili, non autosufficienti e minori e nel garantire la qualità e l’umanità dei servizi”. “Dal 2002 ad oggi in Veneto sono oltre 30 mila gli operatori sociosanitari qualificati con quasi 900 corsi promossi dalla Regione – sottolinea l’assessore - ma siamo ancora ben lontani dal soddisfare la richiesta di figure espressa dal territorio regionale. Evidentemente la prospettiva di un lavoro sicuro nel sistema dei servizi socio sanitari e socio assistenziali non basta a superare le resistenze o la diffidenza verso un lavoro impegnativo dal punto di vista dei carichi e dei turni di lavoro”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Covid, Zaia: «Veneto rischia di tornare in zona arancione»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento