Centro dipendenze giovanili: un successo i corsi online per i genitori

Ottima partecipazione per i corsi organizzati dal distretto Ulss 2 di Pieve di Soligo durante il lockdown. Genitori più presenti in coppia, maggiore ascolto ai problemi dei figli

Il centro per le dipendenze giovanili del Ser.D del distretto di Pieve di Soligo ha attivato in questo periodo corsi online per genitori. Da anni il servizio svolge, tra gli interventi di prevenzione, dei corsi di formazione per genitori denominati G.E.A. (Genitori Efficaci in Adolescenza), in collaborazione con gli enti comunali e gli istituti secondari di primo grado e, anche per questa primavera, ne erano state progettate alcune edizioni. Tali percorsi si svolgono tradizionalmente in gruppi di massimo 30/40 genitori e sono condotti da uno psicologo e un educatore del centro per le dipendenze giovanili.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Commenta l'Ulss 2: «A causa dell’emergenza sanitaria Covid-19, è stato necessario sospendere le attività in gruppo e si è pensato di riformulare l’intervento tramite piattaforma digitale. È stato proposto a quanti si erano iscritti al corso se fossero interessati a svolgerlo a distanza, riscontrando una conferma dalla gran parte dei partecipanti». I gruppi attivati sono stati tre: genitori degli studenti degli Istituti  Secondari di Primo Grado di Pieve di Soligo (15 partecipanti), di Vittorio Veneto (45) e un gruppo per genitori dei ragazzi in carico al Servizio (10). L’obiettivo dei corsi è quello di fornire strumenti educativi che possano aiutare i genitori a gestire la relazione con i figli preadolescenti/adolescenti. Si trattano tematiche riguardanti gli stili educativi, la comunicazione efficace, la gestione delle emozioni, l’incoraggiamento e lo sviluppo della responsabilità. I percorsi si caratterizzano per l’alto grado di interazione grazie ad attività in gruppo che favoriscono una conoscenza tra i partecipanti e una sperimentazione diretta delle tecniche proposte. Per non perdere il coinvolgimento attivo dei partecipanti, è stato stimolato, anche nella nuova modalità a distanza, il confronto tra i genitori tramite esercitazioni e stimoli audiovisivi. Nel corso degli incontri si sono affrontate anche le difficoltà che inevitabilmente hanno riguardato gli adolescenti e le loro famiglie durante il lungo periodo di lockdown. La scelta di realizzare il corso in modalità digitale, seppur obbligata e sicuramente non efficace quanto quella in presenza, ha tuttavia favorito la partecipazione in coppia di alcuni genitori e facilitato il superamento delle difficoltà lavorative e della gestione familiare. Considerati gli scenari non ancora definiti rispetto alla ripresa delle attività scolastiche, il servizio si sta organizzando per poter continuare a garantire gli interventi di prevenzione nell'ambito delle dipendenze con modalità a distanza sia per quanto riguarda il supporto psicoeducativo alle famiglie, sia rispetto ai programmi di educazione tra pari nelle scuole.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto frontale nella notte, muore allenatore del Ponzano amatori

  • Adriano Panatta sposa a 70 anni l'avvocato trevigiano Anna Bonamigo

  • Elezioni in Veneto: guida al voto per Referendum, Regionali e Amministrative

  • Omicidio di Willy, l'autore del post razzista è uno studente trevigiano

  • Un caso di Covid-19 all'asilo, in quarantena tre classi e una maestra

  • Truccavano gli esami di guida, autoscuola trevigiana nella bufera

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento