A Treviso non si vogliono bambini con disabilità: in ospedale 7 aborti su 10

Le famiglie trevigiane sembrano sempre più non accettare l'idea di mettere al mondo un figlio con problematiche psicofisiche, ricorrendo quindi all'interruzione di gravidanza

TREVISO Ben il 70% delle famiglie trevigiane scelgono l'aborto nel momento in cui scoprono che il proprio figlio, una volta partorito, avrà problematiche psicofisiche. E' questo il dato eclatante che, come riporta "il Gazzettino", si evince dai dati del reparto di Patologia Neonatale dell'ospedale Ca' Foncello di Treviso.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Grazie infatti alle nuove tecnologie, mamma e papà possono conoscere molto presto se il proprio nascituro nascerà con disabilità o Sindrome di Down ad esempio, tanto che in 7 casi su 10, se ciò venisse confermato, la decisione maggioritaria è quella dell'aborto preventivo. Oggi quindi si preferisce interrompere subito la gravidanza piuttosto che mettere al mondo un figlio "problematico", si preferisce la perfezione all'imperfezione e la diminuzione costante di fedeli cristiani porta ad una contestuale limitata accettazione del 'diverso' che invece sarebbe un punto cardine della nostra religione. La scelta finale deve però sempre essere libera e non contestata, ma certi dati devono sono utili per comprendere al meglio i profondi cambianti a cui stiamo assistendo in uesto XXI secolo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Grandine e temporali, la Marca nella morsa del maltempo

  • Zaia, nuova ordinanza: «Doppio tampone per i lavoratori che tornano in Veneto»

  • Folle lite a Cornuda, il proprietario di casa aveva ucciso la madre da giovane

  • Nuovi contagi da Coronavirus nella Marca: in tre positivi al test sierologico

  • Positivo al virus in piscina: tutti negativi i tamponi fatti dall'Ulss 2

  • Ecco negozi trevigiani che effettuano la consegna della spesa a domicilio

Torna su
TrevisoToday è in caricamento