Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Anilkumar Dave al Duca degli Abruzzi: «Lo Spazio è sempre più vicino»

Sabato 27 febbraio la videoconferenza con il responsabile "Innovazione e trasferimento tecnologico" dell'Agenzia Spaziale Italiana, organizzata dall'associazione Amici del Duca

 

“Spazio, così lontano, così vicino!” E’ questo il titolo del primo video-incontro organizzato sabato 27 febbraio dall'associazione "Amici del Duca" con l’intento di proporre ai ragazzi e alla città conversazioni sul futuro e occasioni di dibattito.

Protagonista dell'incontro Anilkumar Dave, responsabile del settore "Innovazione e trasferimento tecnologico" dell’Agenzia Spaziale Italiana. La sua riflessione ha acceso stimoli e curiosità su un tema che fa parte dell’immaginario collettivo ma su cui i giovani riflettono solo se sognano di fare l’astronauta o se hanno particolari vocazioni scientifiche. In realtà, l’obiettivo dell’incontro è di parlare di “Spazio” non come un affascinante club elitario a cui pochi paesi dedicano grandi investimenti per sviluppare tecnologia e portare uomini, satelliti e oggetti in orbita, ma di comprendere come e in che modo le innovazioni derivate dalle tecnologie avanzate o dai big data impattano sulla vita quotidiana e sul nostro futuro. «La nuova frontiera - ha affermato Anilkumar Dave - è disegnare lo scenario del futuro dove le nuove generazioni dovranno affrontare sfide globali ed essere aperti a contaminazioni tra settori tecnologici e scientifici diversi». Collaborazione e sviluppo sociale, così come ambiente e sostenibilità, saranno sicuramente i nuovi paradigmi con cui lavoreranno i nativi digitali di oggi, ma saranno necessariamente incentrati sul trasferimento tecnologico e innovazioni come motori di uno sviluppo sempre più inclusivo, pilastro della nuova Space Economy. Pandemia e giovani gli altri temi affrontati nell'incontro: «L'Agenzia Spaziale Italiana ha avviato un anno fa un bando per applicare tecnologie o dati di osservazione della terra per contrastare la diffusione del Covid. La tecnologia può generare innovazioni per il beneficio dell'uomo. L'invito ai giovani è quello di essere curiosi e il più possibile aperti mentalmente. Lo Spazio è un'opportunità per tutti quanti». 

Anilkumar Dave, manager Ict di formazione, ha fatto ricerca per decenni in vari ambiti (dall’agroalimentare all’oncoematologia pediatrica), in Agenzia Spaziale Italiana ha coordinato il team “Innovazione e TT”, occupandosi a 360 gradi di Space Economy, start-up, brevetti ed incubatori. Attualmente si occupa di Open Innovation e coordina il team ASI-OECD. Sabato ha parlato ai ragazzi di saperi e competenze, offrendo consigli di orientamento e dispenserà visioni sull’innovazione che cambierà le nostre vite e sull’utilità della ricerca spaziale rispetto allo sviluppo dell’economia e ai cambiamenti della società. Per gli studenti del "Duca" un vero e proprio assaggio di Space Economy.

Potrebbe Interessarti

Torna su
TrevisoToday è in caricamento