Centro per l'infanzia "Maria Bambina": l'asilo nido compie vent'anni

E' stato il primo a essere aperto nella zona dell'asolano. Domenica l'inaugurazione del murale realizzato per i 30 anni della convenzione Onu sui Diritti infanzia e adolescenza

L'asilo nido del centro infanzia “Maria Bambina” di Fonte Alto compie vent'anni. Vent'anni di volti, bambini, genitori, nonni, incontri, formazione e crescita. L'asilo nido è nato grazie all’idea del parroco di allora, Don Valeriano Mason, che ha dato vita a quello che oggi non è solo un nido, ma è diventato nel tempo un luogo di crescita, di formazione, di cultura.

FB_IMG_1574522916225-2

E’ ad oggi un centro socio-educativo su basi innovative, che prevede la compenetrazione fra l’esperienza dell’asilo Nido a quella dell’Infanzia fondendo ed integrando le rispettive metodologie. Accoglie i bambini dai 3 mesi ai 6 anni. L’obiettivo primario è sempre il benessere psicofisico del bambino, perseguito attraverso un ambiente sicuro ed accogliente, strutturato sul piano  educativo, ponendo attenzione alla pedagogia, agli arredi, al materiale  didattico  utilizzato. La formazione delle educatrici ha poi innalzato il livello di qualità integrando varie metodologie, dai laboratori col metodo Montessoriano, ai laboratori con pedagogia dei “Cento Linguaggi” dei bambini, introducendo le Loose Parts - l’arte effimera per stimolare il processo creativo. Un Nido che è all’avanguardia ottenendo e rinnovando nel luglio scorso il punteggio di 100% di qualità nell’Accreditamento della Regione Veneto. Ufficialmente è nato con la delibera 2904 del 03/08/1999. Il primo Nido nella zona dell'Asolano, un Nido che accoglie bambini non solo di fonte ma che arrivano da molti paesi limitrofi  ma anche dal bassanese, un Nido dove il Bambino è messo al centro nel nostro progetto educativo e questo si respira già “varcando la soglia”, con l'accoglienza delle educatrici che con amore accolgono i bambini e le famiglie e da un ambiente pulito e colorato! Particolare attenzione in questi anni è stata data al Menù seguito e controllato dalla Dietista dott.ssa Marta Gelain con introduzione dei legumi (ceci, lenticchie, piselli..) e all'acquisto dei prodotti  locali a KM 0, molto apprezzato dai bambini e genitori.

FB_IMG_1574522754773-2

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Da un gruppetto di 5 bambini partito venti anni fa, l'asilo conta oggi 34 iscritti al Nido e 100 al centro dell'Infanzia. accogliamo non solo i bambini ma anche le rispettive famiglie nella comunità scolastica. “Il lavoro educativo non può essere mai considerato un fatto privato, ma rappresenta una sfida e una responsabilità comuni”(V.I). Un'attenzione particolare va proprio alle famiglie con momenti dedicati di formazione, laboratori e feste proprio perchè il bambino "costruisce il suo sapere attraverso l'esperienza e le relazioni con l'ambiente che lo circonda" (M. Montessori). Il nostro Nido l’ho visto nascere e crescere in tutti questi anni e non posso che essere fiera di quello che oggi è diventato, un Centro Infanzia che sa essere stimolo e crescita per i bambini, che sostiene le famiglie, che crea comunità nel nostro piccolo paese di Fonte Alto. Con il Nido sono cresciuta anch’ io, custodendo una frase che dovremmo  un po’ tutti tenere a mente: “Conservare lo spirito dell’Infanzia dentro di sé per tutta la vita, vuol dire conservare la curiosità di conoscere, il piacere di capire, la voglia di comunicare”(B.M). 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Misteriosa scia luminosa solca i cieli tra le province di Treviso e Venezia

  • Famiglia Zoppas in lutto: morto a soli 55 anni il noto manager Marco Colognese

  • Sparisce di casa andando a fare la spesa: ritrovato nella notte

  • Finisce in acqua mentre gioca in giardino, bimba di due anni muore annegata

  • Ammoniaca vs candeggina: cosa uccide meglio i germi?

  • Ferma il bus per soccorrere un'anziana caduta: lei telefona per ringraziarlo

Torna su
TrevisoToday è in caricamento