rotate-mobile
Domenica, 5 Febbraio 2023
Scuola Asolo / Via dei Tartari, 11

Scuola elementare 'Città di Asolo', la mensa diventa plastic free

Acquistate dal Comune nuove dotazioni che consentiranno l'abbattimento del consumo di plastica. Svolta ecosostenibile per un servizio che eroga oltre 3mila pasti ogni mese

Una lavastoviglie industriale, uno scaldavivande e piatti, stoviglie e bicchieri in melamina, una resina termoindurente e Bpa free ovvero priva di bisfenolo A, sostanza chimica ampiamente utilizzata nella produzione industriale delle plastiche in policarbonato e sulla quale recenti evidenze scientifiche hanno dimostrato che una prolungata esposizione a tale sostanza può alterare l'equilibrio endocrino, soprattutto nella prima infanzia. Sono le nuove dotazioni acquistate dall'Amministrazione comunale per la mensa scolastica della scuola primaria Città di Asolo, che diventa in questo modo “plastic free”.

Si tratta di una svolta ecosostenibile per il servizio di mensa che eroga mensilmente più di 3mila pasti e per il quale il Comune di Asolo già contribuisce garantendo il servizio a proprio carico del personale addetto al lavaggio delle stoviglie e alla pulizia della mensa. Da tempo si parla di sviluppo sostenibile e della necessità di intervenire in maniera decisiva per contrastare l'inquinamento ambientale. La Città di Asolo fa parte del circuito Cittaslow International, tra i cui principali obiettivi vi è proprio quello della protezione dell'ambiente come elemento fondamentale per la qualità della vita dei propri cittadini. Uno dei principali fattori inquinanti è costituito dalla plastica monouso, spesso neppure riciclata. Ma anche se correttamente riciclata, la raccolta e lo smaltimento della plastica rappresentano comunque un costo energetico associato alla procedura del riciclo. Da qui le diverse azioni già messe in atto in questi anni come Amministrazione comunale e come Cittaslow, in collaborazione anche con Alto Trevigiano Servizi e con la società di raccolta e riciclo dei rifiuti Contarina Spa, ma anche e soprattutto con le associazioni del territorio. Tra queste: la casetta dell'acqua, l'uso esclusivo dell'acqua del sindaco che viene servita in brocca e non in bottiglia di plastica nella mensa scolastica, piatti, posate e bicchieri biodegradabili utilizzati nelle manifestazioni, sagre ed eventi e anche la distribuzione di borracce agli alunni della scuola e ai dipendenti comunali. Si aggiunge adesso questo nuovo intervento per la mensa scolastica, finalizzato ad abbattere il consumo della plastica.

Il commento

«Si tratta di un ulteriore passo verso la eco sostenibilità e la riduzione dell'impatto ambientale che entra in modo attivo e partecipato all'interno del plesso scolastico, con l'intenzione di far germogliare nelle nuove generazioni il seme della consapevolezza e dell'educazione alla salvaguardia del pianeta - afferma il sindaco Mauro Migliorini -. Io la definisco un'eco mensa e cioè l'opportunità di produrre rifiuti zero nella distribuzione di pasti per alunni e insegnanti della scuola primaria Città di Asolo. Questa iniziativa - conclude il sindaco - secondo me lancia un forte messaggio ambientalista con l'obiettivo di ridurre notevolmente la produzione di rifiuti in plastica che in questo modo togliamo completamente. Rispondiamo inoltre in modo concreto ad una recente normativa europea che oltre a mettere al bando i prodotti monouso in plastica tradizionale spinge verso il contrasto all'usa e getta. Oltre a potenziare la raccolta differenziata è indispensabile diminuire la produzione dei rifiuti. Ringrazio quindi tutto il personale scolastico, le famiglie, il comitato genitori della scuola primaria Città di Asolo per la condivisione e collaborazione a questa bella iniziativa».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scuola elementare 'Città di Asolo', la mensa diventa plastic free

TrevisoToday è in caricamento