Scuola: «Rientro in sicurezza per quasi 40mila studenti»

La Provincia di Treviso traccia il primo bilancio dopo la ripresa delle lezioni. Promosse le nuove sistemazioni degli istituti e il trasporto scolastico per gli studenti

In foto Palazzo Turroni, più sotto il Beltrame di Vittorio Veneto

Un bilancio positivo quello dei primi tre giorni di scuola per la Provincia di Treviso, che negli ultimi mesi è stata impegnata in prima fila per garantire un rientro in sicurezza ai quasi 40mila studenti delle scuole superiori secondarie della Marca.

Beltrame Vittorio Veneto-2

L’applicazione della delibera dell'ente di Governo della Mobilità della Marca Trevigiana prosegue senza grandi intoppi, garantendo dunque il rispetto delle norme anti-covid e allo stesso tempo un servizio efficiente di trasporto. Martedì 15 settembre, dopo un giro di ricognizione in alcuni poli scolastici trevigiani, la situazione è apparsa positiva, gli istituti si sono ben organizzati per affrontare il rientro e gestire l’emergenza. Ora, la Provincia continuerà a monitorare la situazione e si andrà a tarare, di volta in volta, il piano per migliorarlo in base alle esigenze. Dopo la prima settimana, si farà il punto della situazione con Mom per valutare eventuali integrazioni al piano, per garantire sicurezza ed efficienza del servizio. Per quanto riguarda il complesso ex Giorgi in Ghirada, proseguono i lavori per consegnare l’edificio al Besta, come previsto, entro il 12 ottobre. E allo stesso modo, si prosegue nel piano che prevede i container al Beltrame di Vittorio Veneto e al Maffioli di Montebelluna.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: cos'è il saturimetro e perchè potrebbe salvarti la vita

  • Neve e vento forte, scatta l'allerta meteo in Veneto

  • Natale e Capodanno: trovato il modo per festeggiare

  • Una settimana di agonia dopo il malore, morto Remo Sernagiotto

  • Festa in casa con 42 persone, vicini chiamano i carabinieri

  • Suicida a 44 anni, indagato il marito per maltrattamenti

Torna su
TrevisoToday è in caricamento