Mercoledì, 4 Agosto 2021
Scuola

Confartigianato Imprese Marca Trevigiana: rinnovata l'intesa con l'Ipsia Galilei

La reciproca contaminazione tra scuola e imprese è uno degli obiettivi dell’intesa finalizzata ad adeguare l’offerta formativa agli standard tecnologi dei macchinari sempre più digitali

E' stato siglato venerdì l’accordo che amplia gli ambiti di collaborazione esistente proiettandola su nuove sfide tra Confartigianato Imprese Marca Trevigiana, Castelfranco Veneto e l’Istituto Professionale per artigianato e industria “IPSIA GALILEO GALILEI”, polo tecnico-professionale che conta oltre 600 studenti. I percorsi formativi che l’Istituto offre sono quelli per operatore meccanico, manutenzione e assistenza tecnica automazione ed energia, industria e artigianato per il made in Italy, servizi culturali e dello spettacolo. L’IPSIA Galilei è anche socio fondatore della Fondazione ITS Nuove Tecnologie per il Made in Italy nel comparto meccatronico.

La reciproca contaminazione tra scuola e imprese è uno degli obiettivi dell’intesa finalizzata ad adeguare l’offerta formativa agli standard tecnologi dei macchinari sempre più digitali, di processo e di prodotto di cui abbisognano le imprese per contenere e annullare la distanza tra le esigenze del tessuto produttivo e quanto prevede l’offerta didattica in termini di competenze e abilità. A questo si affianca l’esigenza di presentare e testimoniare l’innovatività che l’artigianato esprime e tutte le opportunità che offre in termini di futura occupabilità.

“La firma di un’intesa con un istituto scolastico come l’Ipsia Galileo Galilei, così radicato, con una marcata e puntale identità risponde alle esigenze che le nostre imprese manifestano quotidianamente di entrare in contatto con ragazzi motivati ai quali offrire un’esperienza per dare loro modo di testare un’attitudine ed eventualmente per proporre loro un’occasione professionale -  afferma Oscar Bernardi, presidente Confartigianato Imprese Marca Trevigiana - Consentire ai giovani un percorso formativo che renda strutturale l’ingresso nelle realtà produttive è fondamentale per alimentare concretamente un orientamento all’autoimprenditoria.

Il protocollo prevede:

  • sperimentazione dell’apprendistato duale che consentirà agli studenti una permanenza in azienda durante il corso di studi che li porterà ad acquisire lo status di studenti lavoratori. A tal fine già dal prossimo anno scolastico gli studenti di quarta superiore potranno diventare dipendenti con il 35% del monte orario del programma scolastico (complessivamente di 1056 ore) sviluppato direttamente nelle aziende che si renderanno disponibili e conseguire così la maturità;
  • pacchetti di alternanza scuola lavoro (PCTO) della durata minima di 210 ore da svolgersi nell’ultimo triennio potranno essere dedicati a presentare il mondo del lavoro delle pmi del territorio, prossime a dove gli studenti risiedono, utili a trasferire competenze trasversali e tecniche, fondamentali nel percorso formativo dei giovani;
  • stage estivi tra un anno scolastico e il successivo all’interno di realtà produttive coerenti con il percorso di studio intrapreso;
  • testimonianze di Maestri Artigiani – riconoscimento di recente introdotto dalla regione Veneto a favore degli imprenditori con attitudine formativa;
  • seminari tecnici e di settore, corsi di sicurezza propedeutici alle esperienze formative nelle imprese;
  • contributi a favore della scuola per adeguare le dotazioni dei macchinari in uso nei laboratori;
  • strumenti di orientamento al mercato del lavoro riservati agli studenti prossimi alla maturità.

“Confartigianato Imprese Castelfranco Veneto continua nella sua attività di costruzione di un dialogo fattivo tra scuola e imprese - dice Maurizio Cattapan, vicepresidente Confartigianato Imprese Castelfranco Veneto investendo nella collaborazione con il suo Ipsia di riferimento e sostenendo la condivisa scommessa di attivare, già dal prossimo anno scolastico, la possibilità stipulare il contratto di apprendistato duale. Lo studente potrà quindi arricchire e valorizzare il proprio percorso di studio e contemporaneamente percepire una retribuzione, vedersi aperta da giovanissimo una posizione previdenziale, acquisendo tutte quelle conoscenze e competenze che sono oggi richieste dal mondo del lavoro di riferimento rispetto agli studi intrapresi. Le imprese, che saranno lungimiranti, avranno la possibilità di investire in nuove risorse umane formandole su misura secondo le proprie esigenze lavorative, preparandole in piena sicurezza all’utilizzo dei propri macchinari 4.0 e  e coinvolgendole nei nuovi  processi di lavoro sempre più digitalizzati. Siamo certi che con queste novità si aumenterà la soddisfazione dei ragazzi e delle loro famiglie per aver scelto frequentare l’istituto Galileo Galilei. Il nostro territorio ha assoluto bisogno di giovani preparati che possano essere inseriti a conclusione della loro formazione nelle imprese per sostenere il comparto manifatturiero castellano“.

“La scuola – precisa l’avvocato Francesco Daniele Laterza, dirigente scolastico dell’IPSIA Galilei – con questo accordo consolida la collaborazione con le realtà del territorio, garantendo un’offerta formativa attenta alle esigenze mutevoli del contesto e, al contempo, si pone come un canale privilegiato di accesso dei giovani al mondo del lavoro nei settori strategici dell’economia. Con l’avvio dell’apprendistato duale si permette, poi, agli studenti di raggiungere un livello di preparazione e specializzazione superiore ai normali standard di riferimento. L’obiettivo è quello di offrire percorsi innovativi, di sperimentazione ed innovazione didattica, cogliendo tutte le opportunità formative che la normativa consente per essere sempre al passo con i tempi".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Confartigianato Imprese Marca Trevigiana: rinnovata l'intesa con l'Ipsia Galilei

TrevisoToday è in caricamento