Martedì, 27 Luglio 2021
Scuola

Edilizia scolastica, la Provincia di Treviso chiede altri 37 milioni di euro al Miur

Treviso prima in veneto per interventi finanziati: 32 milioni di euro raccolti finora per mettere in sicurezza gli istituti scolastici della Marca. Il commento del presidente della provincia, Stefano Marcon

Stefano Marcon

Dopo aver ottenuto dal Ministero 13 milioni di euro per interventi di manutenzione straordinaria, efficientamento energetico e adeguamento sismico per 21 interventi, altri 17 milioni per interventi di nuova costruzione di 3 istituti e 2 milioni di euro grazie a un’operazione di bilancio poi reinvestiti in interventi strutturali in tre istituti, la Provincia di Treviso è pronta a bussare nuovamente alla porta del Miur per ottenere altri 37 milioni di euro da destinare ad altri 15 interventi di nuova costruzione o adeguamento sismico, attingendo al decreto ministeriale di riparto in favore delle Province. I progetti sono già stati tutti presentati e si attende a breve l’ok al finanziamento.

tabella-provincia-2

«Quando continuo a dire che investiamo sulla scuola non scherzo - spiega Stefano Marcon, presidente della Provincia di Treviso - una squadra di tecnici esperti come quella della Provincia di Treviso ha saputo cogliere subito le occasioni e rilanciare in modo poderoso l’edilizia scolastica anche quando sembrava possibile investire. Ecco perché dopo aver già recuperato 30 milioni di euro dal Ministero, diventando la prima Provincia in Veneto per interventi eletti a finanziamento, andiamo a chiederne altri 37 per continuare la grande operazione di messa in sicurezza, adeguamento sismico e nuova realizzazione di edifici scolastici. Quando si guarda al bilancio della Provincia e si nota che sono stati messi a bilancio oltre 78 milioni di euro fino al 2023 per la scuola, posso solo dire che i cittadini, i sindaci e le imprese trevigiane possono stare tranquillo: il futuro è al sicuro».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Edilizia scolastica, la Provincia di Treviso chiede altri 37 milioni di euro al Miur

TrevisoToday è in caricamento