menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"La scuola del futuro": tornano gli open day al Cfp di Fonte

Venticinque nuovi computer per stare al passo con la tecnologia in continua evoluzione

Il Centro di formazione professionale (Cfp) Opera Monte Grappa organizza per sabato 1 e 15 dicembre, domenica 16 dicembre 2018 e sabato 12 gennaio 2019 le giornate di scuola aperta meglio conosciuti come “Open Day” per far conoscere a studenti e famiglie l’offerta formativa. Lo slogan di quest’anno è “La scuola del futuro”. Sabato 1 e 15 dicembre e sabato 12 gennaio dalle ore 15 alle 18, domenica 16 dicembre dalle ore 9 alle 12, il presidente don Paolo Magoga, il direttore Andrea Mangano e alcuni docenti illustreranno ai futuri allievi e alle loro famiglie i vari corsi formativi e mostreranno aule e laboratori. I corsi proposti dalla scuola sono i seguenti: operatore elettrico, turistico, termoidraulico, meccanico, carrozziere, operatore ai servizi vendita e autoriparazione. Il 76% degli studenti che escono da questa scuola trova subito lavoro.

«Nell’ambito del settore operatore macchine utensili -  spiega il direttore generale Andrea Mangano - abbiamo da poco acquistato 25 nuovi computer che ci permettono di utilizzare i più recenti software per il disegno meccanico. Cerchiamo di offrire una formazione che sia aggiornata con la tecnologia che è in continua evoluzione. Le aziende del territorio sono infatti affamate di lavoratori, soprattutto giovani e preparati, da inserire stabilmente in organico. Chi ha capacità e voglia di imparare trova buonissime opportunità. Un aiuto ci giunge dall’Europa che ci aiuta con finanziamenti mirati attraverso appositi bandi che mirano a creare degli standard di qualità per esempio creando dei “patentini” unici nel settore dell'autoriparazione. Anche la Regione Veneto crede molto nella formazione professionale ed è una delle poche regioni in Italia dove c'è una positiva spinta propulsiva verso il mondo della formazione professionale. Dovrebbe crederci di più – conclude il direttore del Cfp - anche lo Stato».

CFP LABORATORIO MECCANICA AUTO-2

«La nostra scuola – aggiunge don Paolo Magoga, presidente della Fondazione opera Monte Grappa che gestisce la scuola - fedele alla sua matrice cristiana, si pone anche come risorsa per chi vive difficoltà o disagi sociali e personali: giovani figli di immigrati, giovani con disabilità psico-fisiche, offrendo percorsi formativi personalizzati anche per adulti che tengono conto delle singole potenzialità». Attualmente la scuola accoglie circa 600 giovani dai 14 ai 17 anni che frequentano 34 corsi interamente gratuiti, con possibilità di fare un percorso di 3 o 4 anni e finalizzato al raggiungimento della qualifica di terzo livello dello standard europeo EQF (Quadro Europeo delle Qualificazioni). Molto significative le cifre sulla cittadinanza degli allievi iscritti: ben 20 le nazioni rappresentate. Dopo l’Italia le altre sono Macedonia, Romania, Kosovo, Marocco, Albania, Cina e Senegal e con uno o due allievi Burkina Faso, Brasile, Croazia, Ghana, Costa D’Avorio, Moldavia, Pakistan, Portogallo, Serbia, Thailandia e Tunisia.

Nato in ambito ecclesiale alla fine degli anni '50 da un progetto di 27 parroci della pedemontana, il Centro di Formazione Professionale Fondazione Opera Monte Grappa  continua ancora oggi la sua attenzione per la formazione professionale dei giovani. Il Centro di Formazione Professionale Opera Monte Grappa di Fonte aderisce alla “Scuola Centrale Formazione”. Si tratta di un’associazione che riunisce associazioni ed enti gestori di centri e strutture di formazione professionale, che operano in Italia e hanno come finalità istituzionale la promozione umana, civile e cristiana di giovani, adulti e di lavoratori. Tutte le informazioni, compresi i corsi formativi serali per gli adulti, sono visibili sul sito della scuola www.cfpfonte.it.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Tre pasticcerie trevigiane in sfida a Cake Star

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento