Lezioni in realtà virtuale per gli studenti di H-Farm

Un Ipad per il professore, visori per gli alunni e Holodeck, il programma di realtà virtuale progettato da BigRock, la scuola di computer grafica di H-Farm

Non la solita esperienza in VR che chiude in un mondo virtuale da soli, ma un’attività che nasce dalla necessità di condividere e di vivere insieme la stessa esperienza anche in questi giorni di isolamento forzato: Holodeck, il sistema di lezione aumentata con multi-presenza virtuale in grado di fornire esperienze di insegnamento immersive, da oggi viene anche utilizzato dagli studenti di H-International School in versione remoto.

Holodeck è un laboratorio virtuale che può essere utilizzato dagli insegnanti per qualsiasi disciplina, prende il nome dal “ponte degli ologrammi” di Star Trek ed è stato stato realizzato per H-IS da BigRock. Già da settembre la didattica in classe era stata integrata con diverse lezioni in VR su materie come storia, matematica, biologia, fisica, ma con l’emergenza Covid-19 e l’esigenza di continuare le lezioni online, H-Farm ha implementato la tecnologia per permettere a tutti di continuare l’esperienza anche da casa. L’unicità di Holodeck è la possibilità di interagire con gli altri compagni di classe – fino a 20 – e con il professore: gli studenti infatti possono “vedersi” tra di loro e percepirsi all’interno dello spazio, oltre a poter utilizzare le loro mani per afferrare oggetti virtuali, muoverli e compiere azioni come se si aprisse davanti loro un menu del computer. Un’interazione virtuale più che mai preziosa per i ragazzi, che possono così incontrarsi, seppure virtualmente. Marco Savini, fondatore di BigRock, Head of Edutech di H-Farm commenta il progetto con queste parole: «Holodeck permette agli insegnanti di avere strumenti più efficaci per il loro importante lavoro, e agli studenti consente di apprendere concetti complessi molto più velocemente e facilmente».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«La realtà virtuale arriva come ulteriore strumento di apprendimento per i nostri ragazzi. Questo ingresso porta verso una duplice direzione: l’utilizzo di nuove tecnologie che agevolino il “teaching and learning” come processo cooperativo di apprendimento, e la crescita di consapevolezza che queste tecnologie sono ormai pronte anche per usi che vadano oltre l’intrattenimento.” Commenta Mauro Bordignon, preside di H-International School Treviso e coordinatore didattico H-IS, “E’ sempre importante ricordare che si tratta di strumenti, e non di fini: la scuola è proprio l’ambiente che in assoluto ne può fare un uso ponderato e congruente con le fasi di crescita; i docenti ne decidono l’uso, lo dirigono e monitorano l’apprendimento che ne deriva».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Camion con mucche e tori si rovescia, caos sulla bretella

  • Adriano Panatta sposa a 70 anni l'avvocato trevigiano Anna Bonamigo

  • Covid-19, in quarantena una classe del Leonardo da Vinci e una della materna di Cimadolmo

  • Eletto "il Babbo più Bello d'Italia 2020", premiato anche un papà trevigiano

  • Truccavano gli esami di guida, autoscuola trevigiana nella bufera

  • Diocesi di Treviso, nominati i nuovi sacerdoti della provincia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento