Boom di iscritti al master in Fundraising di Forlì

Oltre 80 i candidati da tutto il mondo per accedere all’unico corso universitario in Italia per diventare professionisti della raccolta fondi per il nonprofit e gli enti pubblici

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di TrevisoToday

Posti limitati per il Master di Forlì di eccellenza nazionale: alle selezioni per la 19° edizione si sono candidati studenti da tutta Italia nonché dal Cile, Svizzera, Francia, Spagna e Svezia. “La raccolta fondi NON è un’attività che si improvvisa, NON è un’attività frettolosa e NON è solo la richiesta esplicita di denaro!“. Sono queste le parole, con cui ogni anno, Valerio Melandri - il Direttore del Master in Fundraising per gli Enti Pubblici e il Nonprofit - apre le lezioni al Master, che quest’anno prenderanno il via giovedì 21 gennaio. Fare fundraising non significa infatti solo ottenere il maggior numero di fondi possibile. Significa fare una scelta di crescita, ovvero far guadagnare alla propria organizzazione libertà, indipendenza e prospettive di crescita stabili nel tempo. Un’attività strutturata dunque, in cui analisi, strategia e metodo, servono per creare una base stabile di donatori che permette alle organizzazioni di avere un flusso costante di entrate per portare a compimento i progetti, ed evitare i “momenti di crisi”. Da 19 anni il Master di Forlì forma i migliori professionisti del Terzo Settore: oltre 1.000 i fundraiser della scuola forlivese che oggi lavorano in grandi e piccole nonprofit del nostro Paese. Il percorso formativo, che va da Febbraio a Novembre 2021, apre le porte a 400 ore di stage garantito nelle principali realtà nonprofit di tutto il mondo. A disposizione degli studenti un servizio di job placement continuo, per concretizzare le migliori opportunità di lavoro anche post Master. E i dati ne dimostrano l’efficacia: il tasso di occupazione ad un anno dal termine degli studi è del 92%. Un percorso supportato da aziende che sostengono gli studenti del Master attraverso il programma di Borse di Studio. Partner a servizio del settore nonprofit, come myDonor® e DataProsper, ma anche aziende fortemente impegnate sui temi della sostenibilità come Lavazza e aziende del territorio forlivese come MPP Assicurazioni, Unica Reti e L.T.M. S.r.l.. Ognuna con la propria identità e peculiarità, ma tutte accomunate dalla condivisione dei valori, del social purpose del Master e dall’impegno concreto per la crescita e la professionalizzazione del nonprofit. Inoltre un grazie speciale va alla Famiglia Alessandrini che da tantissimi anni sostiene la formazione di donne disoccupate con la Borsa di Studio in Memoria di Ada Garavini. Per maggiori informazioni sul Master in Fundraising e sulle Borse di Studio a disposizione è possibile contattare lo 351 8940715 o scrivere una mail a master@fundraising.it.

Torna su
TrevisoToday è in caricamento