Scuola Via Centa, 90

Scuola media "Scarpa": «Nove classi non sanno dove faranno lezione»

Villorba Lab e la candidata sindaca Camilla Girasole lanciano l'allarme per gli studenti della scuola medi. «I lavori al piano inferiore dell'edificio non saranno pronti entro settembre»

La candidata sindaca Camilla Scarpa

«La scuola media "Scarpa" di Villorba necessita da tempo di opere edili, anche per rientrare finalmente nei parametri previsti dalla normativa antisismica. A fine anno scolastico i lavori sono partiti, con la promessa che il piano inferiore sarebbe stato pronto per settembre, riuscendo ad accogliere almeno 4 classi delle 9 presenti. Per le altre 5 si pensava ad un trasferimento alle elementari Marco Polo. Com’era prevedibile, tuttavia, la data di fine lavori è slittata in avanti: il 13 settembre le Scarpa non saranno agibili per nessuno. Il vero dramma però è che, a poco più di un mese dalla ripresa delle lezioni, 9 classi ancora non sanno dove potranno andare a scuola». L'allarme arriva da Villorba Lab e della candidata sindaca, Camilla Girasole.

«Già da maggio - spiega Girasole - famiglie ed insegnanti avevano chiesto al comune di valutare tutte le possibili soluzioni per evitare questi disagi, investendo le necessarie energie e risorse per assicurare l’identificazione di risposte adeguate entro l’avvio dell’anno scolastico 2021/2022. Era stato anche suggerito di valutare l’impiego di container, adattati ed organizzati per ospitare classi di minori, soluzione adottata negli anni precedenti anche da comuni limitrofi che sono riusciti comunque a garantire una programmazione nella destinazione delle classi. Benché sia sicuramente importante valutare tutte le possibili alternative, ciò non dovrebbe avvenire a ridosso dell’inizio dell’anno scolastico, bensì già in fase progettuale degli interventi. Già il progetto avrebbe dovuto infatti considerare dei piani concreti per assicurare la continuità scolastica, affinché le famiglie non si trovassero in piena estate con l’incubo del non sapere come organizzarsi per l’anno scolastico successivo. Non solo questo non è avvenuto; siamo a poco più di un mese dall’avvio dell’anno scolastico, e il Comune non ha ancora una soluzione in mano.

L’amministrazione - continua Camilla Girasole - si è impegnata a tornare dai genitori entro questa settimana con una decisione; noi di VillorbaLab chiediamo a gran voce che tale decisione, oltre ad essere tempestiva, metta al centro gli interessi delle famiglie, dei ragazzi e del corpo insegnante, anche a costo di spese aggiuntive non precedentemente previste. La continuità scolastica deve essere garantita. La qualità della didattica deve essere garantita. Il benessere e la tutela degli studenti devono essere garantiti. L’ambiente scolastico deve essere accogliente per favorire l’apprendimento. La serenità delle famiglie deve essere salvaguardata, il che implica che la logistica (inclusi gli spostamenti, i costi, gli orari) risponda alle esigenze dei genitori che lavorano. Se ben prima di iniziare i lavori si fossero adottati dei piani per affrontare gli altamente prevedibili ritardi, non ci troveremmo ora in questa situazione, che ancora una volta lascia trasparire le grosse difficoltà dell’amministrazione a programmare, prioritizzare e stanziare risorse adeguate a favore dell’infanzia e dell’adolescenza. L’inizio dell’anno scolastico già vedrà l’interruzione delle lezioni a causa della mancata identificazione di seggi elettorali alternativi (nonostante Villorba Lab già da un mese lo chieda a gran voce); riusciranno almeno a trovare una destinazione adeguata per i nostri ragazzi delle medie? Esigiamo che l’infanzia e l’adolescenza siano al centro della programmazione comunale» concludono da Villorba Lab.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scuola media "Scarpa": «Nove classi non sanno dove faranno lezione»

TrevisoToday è in caricamento