Un nuovo monumento per Vittorio Veneto: lo progettano gli studenti dell'artistico

Gli studenti del liceo vittoriese si sono attivati per realizzare una nuova scultura voluta dall'Anpi per ricordare tre cittadini da un manipolo di fascisti il 12 aprile del 1944

La sezione Anpi di Vittorio Veneto, d’accordo con i familiari, si sta attivando per erigere un monumento a tre concittadini, Antonio Boffa, Giovanni Casoni e Temistocle Tomassi, uccisi da un manipolo di fascisti il 12 aprile del 1944 lungo le rive del fiume Meschio a Cordignano.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Loro erano antifascisti e padri di famiglia che senza processo e senza esitazione sono stati ammazzati per rappresaglia in seguito ad un fatto al quale erano assolutamente estranei. La progettazione del monumento è stata affidata agli studenti delle classi Quarte del liceo artistico statale di Vittorio Veneto, indirizzo "Figurativo". I docenti che hanno coordinato il progetto sono stati Marina Astolfoni e Marcello Cremonese. I bozzetti realizzati dagli studenti saranno presentati alla città sabato 13 aprile alle ore 11 presso il Museo del Cenedese (Piazza Flaminio, Serravalle di Vittorio Veneto). Rimarranno esposti nella Sala del Novecento fino al 30 giugno. L'evento è organizzato in collaborazione con "Mai - Associazione culturale" e con il patrocinio della città di Vittorio Veneto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vento, grandine e alberi caduti: il maltempo flagella la Marca

  • Covid, dodici lavoratori positivi in una ditta dell'hinterland trevigiano

  • Malore al risveglio, il sorriso di Alessandra si spegne a 44 anni

  • Schianto sulla Pontebbana, gioielli e arnesi da scasso nella Smart

  • Covid in azienda, 24 positivi: «Ci lavoravano dieci migranti della Serena»

  • Geox, cooperativa Venere in liquidazione: «Tutelare contratti e posti di lavoro»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento