menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sicurezza stradale: proiezione all'auditorium Cassamarca per gli studenti delle scuole

“Young Europe”, primo film al mondo realizzato da una forza di polizia, è stato proiettato alle scuole della Marca per dare un messaggio di sicurezza e legalità diretto ai giovani

Giovedi 9 maggio, presso l’Auditorium Fondazione Cassamarca di Piazza delle Istituzioni a Treviso, la polizia stradale, con il patrocinio della Fondazione Cassamarca, ha organizzato la proiezione del film sulla sicurezza stradale dal titolo “Young Europe”.

Il film, scritto e diretto dal regista Matteo Vicino e cofinanziato dalla Commissione Europea, con il coordinamento scientifico del Dipartimento di Psicologia dell’Università La Sapienza di Roma e la collaborazione della Fondazione Ania per la sicurezza stradale è il primo lungometraggio al mondo realizzato da una forza di polizia. Girato in 4 Paesi Europei (Italia, Francia, Irlanda, Slovenia), racconta le storie di ragazzi accomunate dalla triste esperienza dell'incidente stradale che cambia per sempre le loro vite. Federico, in Italia, è diviso tra il modello di un padre poliziotto e un amico trentacinquenne che non è cresciuto. Josephine, in Francia, è una ragazza di diciotto anni dedita all'uso sporadico di droghe, ossessionata dai social network e da ogni tentazione derivata dalla sua natura ribelle. Julian è un diciassettenne di Dublino: ha una storia con una coetanea ma subisce il fascino della sua lettrice di spagnolo, avvenente ma pericolosa. La sicurezza stradale costituisce dunque il filo conduttore del film, che vuol far riflettere i giovani su come i comportamenti imprudenti, l’eccessiva spregiudicatezza o la scarsa valutazione delle circostanze sfocino troppo spesso in incidenti stradali molti dei quali, purtroppo, mortali.

Il filo rosso delle emozioni e degli errori sulla strada che legano le varie vicende vuole far riflettere i giovani per sviluppare il loro senso critico ma rappresenta anche un monito al mondo degli adulti perché spesso non offrono un buon esempio da imitare nella guida. Young Europe vuole creare una comunicazione diretta con il mondo dei giovani, per cui l’incidente rappresenta in Europa la prima causa di morte, facendo leva sulle loro emozioni per far passare nel modo più efficace il messaggio di sicurezza stradale. Il film, realizzato sulla base di una studio sui profili di rischio del giovane guidatore, nasce nell’ambito del Progetto europeo sulla sicurezza stradale denominato “Icarus” che ha visto la polizia stradale capofila in Europa, con una ricerca scientifica che ha coinvolto 14 Paesi dell’Unione ed un manuale tradotto in tutte le lingue europee. Nel progetto Icarus, Young Europe si affianca ad un programma di educazione stradale ai giovani condiviso dai 14 Paesi. La proiezione all’Auditorium della Fondazione Cassamarca del 09 maggio va ad implementare le centinaia di proiezioni che dal 2013 sono state effettuate in diverse città d’Italia con il coinvolgimento di migliaia di studenti. In particolare, questa proiezione si inserisce in un circuito di iniziative in tema di educazione stradale che ha visto la Polizia Stradale di Treviso aumentare sensibilmente la sua presenza nelle scuole della Marca negli ultimi cinque anni incontrando numerosi studenti della Provincia di Treviso. Basti pensare che a fronte dei 14 eventi organizzati dalla Polstrada di Treviso nel corso dell’anno 2014 con un migliaio di studenti interessati, si è passati nell’anno in corso a oltre  40  incontri con più di 5.000 studenti coinvolti, che hanno potuto apprezzare l’impegno degli operatori, a loro volta accresciuti vista la rilevanza dell’attività educativa e la sempre maggior richiesta da parte degli istituti scolastici. La proiezione presso l’Auditorium ha visto infatti la partecipazione di 300 alunni frequentanti cinque Istituti Scolastici di II^ grado della provincia di Treviso; ISISS Giuseppe Verdi di Valdobbiadene, ITT. Barsanti, ISIS Nightingale di Castelfranco Veneto, ISIS Da Collo di Conegliano e IS Giorgi-Ffernu di Treviso. Gli alunni di quest’ultimo, hanno raggiunto in autonomia l’Auditorium mentre per gli altri è stato previsto il trasporto da e per l'auditorium con l’utilizzo di 5 autobus della polizia di Stato appositamente arrivati per l’occasione da tutto il nord Italia. A sottolineare l’importanza dell’evento organizzato, sono state la presenza del Prefetto e del Questore di Treviso, oltre  al Dirigente del Compartimento Polizia Stradale per il ”Veneto”. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Casa

Ammoniaca vs Candeggina: chi uccide meglio i germi?

Attualità

Roncade: messo in vendita il centro commerciale Arsenale

Attualità

Covid alle superiori: «Metà dei contagi non è avvenuta a scuola»

Attualità

Scuola elementare "Ancillotto": «In isolamento tutte le classi»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento