Da Treviso alla Regione 2.307 firme per dire basta alla didattica a distanza

Il Comitato "Scuola Reale Veneto" con base a Treviso le ha consegnate all'assessore Donazzan dopo averle raccolte in appena 1 mese da insegnati e genitori di tutto il Veneto

Il Comitato "Scuola Reale Veneto"

Una delegazione del comitato promotore della petizione a favore di una Scuola Reale in Veneto è stata ricevuta nei giorni scorsi a Venezia dalla Direzione Formazione e Istruzione della Regione.

Il comitato, costituito da genitori ed insegnanti, con una forte base in provincia di Treviso, si è formato spontaneamente a seguito di simili iniziative sorte in altre regioni grazie al movimento “La Scuola Che Accoglie”. L'intento della petizione (a questo link il testo) è quello di cogliere questo momento di crisi come un’opportunità per ripensare l’organizzazione scolastica sia dal punto di vista strutturale (messa a norma degli edifici, aree verdi, aule dedicate ed attività artistiche e di artigianato), sia dal punto di vista pedagogico. Si vuole portare al riconoscimento dell’unicità di ogni alunno considerando le tappe evolutive dei bambini e dei ragazzi riservando maggiori risorse a favore dei bambini con bisogni educativi speciali. Un altro punto cardine della petizione riguarda l’importanza della didattica in presenza senza distanziamento fisico e senza mascherine, con l’uso dei mezzi tecnologici riservato solo ai ragazzi al di sopra dei 14 anni e mai in sostituzione della didattica in presenza. L’incaricato degli Uffici regionali ha ascoltato con attenzione la delegazione nell'esposizione dei punti principali contenuti nella petizione e ha riferito che la Regione è consapevole della preoccupazione dei cittadini poiché ricevono quotidianamente istanze, lettere e mail con contenuti analoghi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Durante l'incontro sono emerse alcune riflessioni come l'assenza di insegnanti, psicologi, educatori, genitori e personale Ata tra coloro che stilano le linee guida per il rientro a scuola. La trasformazione di dirigenti scolastici e degli insegnanti in sorveglianti sanitari; la totale inconciliabilità ed inapplicabilità del piano di rientro per le scuole e le famiglie; l'importanza di puntare sulla salutogenesi e la valutazione a medio lungo termine dell’impatto dei provvedimenti che si intendono applicare sullo sviluppo e la crescita armoniosa dei bambini e ragazzi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Camion con mucche e tori si rovescia, caos sulla bretella

  • Adriano Panatta sposa a 70 anni l'avvocato trevigiano Anna Bonamigo

  • Covid-19, in quarantena una classe del Leonardo da Vinci e una della materna di Cimadolmo

  • Truccavano gli esami di guida, autoscuola trevigiana nella bufera

  • Eletto "il Babbo più Bello d'Italia 2020", premiato anche un papà trevigiano

  • Diocesi di Treviso, nominati i nuovi sacerdoti della provincia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento