rotate-mobile
Sabato, 26 Novembre 2022
Scuola Mogliano Veneto / Via Pietro Favretti, 14

“Un sasso per un sorriso": i bambini di Mogliano vanno a scuola di divertimento

Alla Primaria Giuseppe Verdi l'iniziativa dedicata ai più giovani che ha già spopolato a livello internazionale. L'obiettivo: regalare sorrisi "colorati" agli sconosciuti

Regalare allegria e sorrisi a tutte quelle persone che oggi più che mai hanno bisogno di segnali positivi dalla vita. Questo l’obiettivo dell’iniziativa internazionale “Un sasso per un sorriso", nata in Facebook durante il lockdown dello scorso anno e in questi giorni arrivata anche alla Scuola Primaria Giuseppe Verdi di Mogliano Veneto dopo aver già toccato altri Paesi come Svizzera, Spagna, Stati Uniti, Germania, Francia, Australia e Thailandia. «Da mercoledì i nostri 14 alunni di 2^ A sono impegnati in un laboratorio speciale in classe – racconta emozionata la maestra 46enne Federica Pauciullo, promotrice dell’iniziativa insieme ai colleghi Ilaria Volpi, Francesca Dore e Luca Soppelsa – Dapprima abbiamo fatto trovare loro il libro “Panfilo cane pittore” di Agostino Traini dal quale è stata poi letta una storia per ispirarli a rappresentare con un disegno il tema della “amicizia”, il tutto su un semplice sasso».

«Si tratta di un pensiero delicato, che nasce in punta di piedi per riportare un po’ di gioia nel mondo di questi bambini che per oltre un anno sono stati privati di tanta libertà e spensieratezza – continua la maestra Federica - Anche perché persino a scuola le regole Covid continuano a limitare tante attività che prima li facevano divertire. Noi insegnanti dobbiamo quindi inventarci ogni giorno esperienze diverse, perché la scuola non è solo apprendimento ma anche un luogo di aggregazione, di socializzazione e di spensieratezza». Proprio per questo motivo, una volta che saranno completati, i sassi dipinti dai bambini con colori acrilici verranno poi numerati e chiusi in un sacchettino con annesso un bigliettino di “presentazione”. La prossima settimana, invece, i pacchetti realizzati verranno “liberati” dagli studenti durante una passeggiata per la città, depositandoli sulle panchine e sui muretti fino ad appenderli ai rami degli alberi, nella speranza che vengano successivamente ritrovati dai passanti.

«Saremmo veramente felici se chi troverà i sassi colorati vorrà poi comunicarcelo. A tal fine lasceremo all’esterno della nostra scuola un contenitore dove chi li avrà scovati potrà lasciarci un messaggio o un altro sasso, così che i bambini possano avere un segno tangibile del dono fatto alla comunità locale» conclude la maestra. Il “sassorriso” si potrà comunque tenere con sé oppure rimetterlo in circolazione, per regalare ulteriori momenti di gioia nel prossimo. Un laboratorio artistico, quella realizzato dalla scuola Verdi, che ha per questo riscontrato subito un grande entusiasmo in tutti i piccoli studenti felici di poter regalare sorrisi, anche agli sconosciuti, con le loro creazioni originali.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

“Un sasso per un sorriso": i bambini di Mogliano vanno a scuola di divertimento

TrevisoToday è in caricamento