Trasporto scolastico, le famiglie dell'istituto comprensivo chiedono il rimborso

Succede a Zero Branco dove molti genitori si sono rivolti ad Adico (associazione per la difesa dei consumatori) dicendo di voler indietro i soldi versati per il servizio

I più "fortunati" hanno sborsato solo 210 euro ma ci sono anche famiglie che, avendo due o più figli, hanno dovuto tirare fuori molti più soldi. Il tutto per un servizio, il trasporto scolastico,  offerto a metà, a causa dell'emergenza Coronavirus.

Ecco perché alcuni genitori dell'istituto comprensivo di Zero Branco, che raccoglie la scuola per l'infanzia, le primarie Marconi, Fermi e Pascoli e la secondaria Europa hanno deciso di rivolgersi all'Adico (associazione a difesa dei consumatori) dopo aver ricevuto una risposta negativa dal Comune che ha scaricato la responsabilità sulla ditta appaltatrice. La famiglie interessate dal trasporto (che interessa anche le frazioni di Scandolara e Sant'Alberto oltre che il Comune di Zero Branco), segnalano di aver chiesto il rimborso della seconda tranche (105 euro ad alunno) pagata a febbraio e naturalmente non sfruttata per la forzata chiusura delle scuole.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Secondo quanto ci è stato riferito - commenta Carlo Garofolini, presidente dell'Adico - anche il primo cittadino di Zero Branco ha provato a intercedere per il rimborso ma l'azienda ha risposto comunque in modo negativo. E' pur vero che i genitori hanno comunque versato il denaro nelle casse dell'amministrazione che quindi potrebbe intanto procedere con il rimborso o prevedere una scontistica sul servizio in programma il prossimo anno. In ogni caso non è giusto lasciare a bocca asciutta i genitori che hanno speso centinaia di euro per un servizio che si è interrotto a metà stagione. Teniamo conto che la ditta appaltatrice del servizio in questo periodo non ha avuto spese visto che i mezzi sono rimasti fermi».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid-19: allarme arancione in Veneto, Zaia temporeggia sull'ordinanza

  • Torna l'ora solare, quando vanno spostate le lancette

  • Nuovo Dpcm, Conte ha firmato: ecco che cosa cambia da lunedì

  • Pranzo tra amici si trasforma in un focolaio Covid: trovati quindici positivi

  • Covid, Zaia: «In arrivo nuova ordinanza per limitare gli assembramenti»

  • Focolaio Covid a La Madonnina di Treviso: trovate 9 persone positive

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento