Il Covid-19 ha spinto al digitale aule, laboratori e corsi in un click

Collegio Pio X, il ‘Porte Aperte’ non chiude più. Il nuovo portale propone il tour completo di luoghi e programmi, consente di porre domande e di fissare appuntamenti singoli e a gruppi

Monsignor Lucio Bonomo

Il Covid ha innalzato l’asticella della modernità al Collegio Pio X nel servizio del "Porte Aperte". E’ stato infatti realizzato un portale che offre dialoghi, documentazione, visita guidata ai locali insieme con tutte le informazioni dei singoli corsi in video e in sliedes. Non ci sono le condizioni per ripetere l’evento tradizionale, così da domani 3 novembre va in rete, collegato al sito internet del Collegio, il ‘Porte aperte’ virtuale. “Gli eventi tradizionali avevano giorno e orario fissati”, ha detto il rettore mons. Lucio Bonomo, “e andava bene così. Restava spesso la difficoltà del genitore a spiegare ai familiari l’esito della visita al Pio X. Con la nuova offerta del portale tutte le informazioni sono invece a disposizione senza termini di tempo e si possono rivedere più volte e, trattandosi di una proposta digitale e virtuale, credo sia ancor meglio accessibile ai ragazzi. E’ vero, sembra mancare il rapporto diretto con gli insegnanti, ma anche in questo ambito il Collegio ha fatto progressi: il genitore tramite il portale chiede e ottiene appuntamento per colloqui in presenza con i dirigenti e gli insegnanti a piccoli gruppi e anche incontri one to one. Gli insegnanti stanno moltiplicando il tempo dedicato alle famiglie. Nato dall’emergenza, il nuovo portale diventa strutturale”.

Si va inoltre verso l’inversione di ruoli nel portare in famiglia le informazioni del Pio X. Con la nuova modalità potrà essere il giovane, nativo digitale, ad accompagnare i genitori nel tour virtuale di aule, laboratori, corridoi e uffici; nell’ascoltare le spiegazioni in video da parte dei responsabili dei diversi corsi; nel cliccare sulle schede in power point relative ai corsi che interessano.

Le restrizioni imposte dalla pandemia hanno in effetti determinato un salto non solo strumentale, ma di modalità nel dialogo con il pubblico, in particolare con i giovani e le loro famiglie. In coincidenza con l’inizio del secondo secolo di vita, il Collegio si presenta quest’anno senza cancelli, senza muri e sempre trasparente. Il ‘Porte sempre aperte’ durerà infatti ogni giorno e anche i prossimi anni. La possibilità di porre domande dà valore ad ogni dubbio del singolo, sia ragazzo o genitore. La scienza è attiva nella ricerca del vaccino e nel frattempo sprona all’impiego delle tecnologie esistenti per mantenere e sviluppare la comunicazione e la condivisione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Neve e vento forte, scatta l'allerta meteo in Veneto

  • Guida Michelin 2021: i ristoranti stellati nel trevigiano

  • Covid, nuova ordinanza di Zaia: «Riapriamo i negozi di medie e grandi dimensioni al sabato»

  • Una settimana di agonia dopo il malore, morto Remo Sernagiotto

  • Festa in casa con 42 persone, vicini chiamano i carabinieri

  • A Monastier il primo punto tamponi privato: «Accesso senza prenotazione»

Torna su
TrevisoToday è in caricamento