Scuola digitale, finanziati dieci istituti veneti a rischio dispersione scolastica

In provincia di Treviso ha ricevuto contributi l’Ic di Follina-Tarzo. L'annuncio della parlamentare trevigiana Angela Colmellere

Angela Colmellere

Il Veneto fa la parte del leone nello stanziamento da parte del Ministero dell’Istruzione di ulteriori risorse per ambienti didattici innovativi nelle aree a rischio dispersione scolastica. Dei 46 istituti finanziati con un plafond complessivo di un milione e 600.000 euro, 10 sono veneti. La somma si aggiunge ai 2,1 milioni stanziati a novembre 2018, con i quali sono stati sostenute 60 scuole nella creazione di ambienti digitali di apprendimento.

«Ogni scuola –spiega la segretaria della Commissione Istruzione alla Camera, la deputata trevigiana Angela Colmellere- riceverà 35.000 euro per la realizzazione di laboratori per la didattica digitale. A livello territoriale, il Veneto avrà 10 laboratori. In provincia di Treviso ha ricevuto contributi l’Ic di Follina-Tarzo; a Rovigo la Scuola di Trecenta; a Verona l’Ic Hack di San Giovanni Lupatoto, l’Ic di San Bonifacio e l’Ic di Monteforte d’Alpone; a Padova l’IC San Camillo; a Venezia gli Ic Spallanzani e Grimani, gli Ic di Chioggia 2 e 5».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Da sindaco di Miane -prosegue Colmellere- mi fa particolarmente piacere il finanziamento del progetto dell’Istituto comprensivo di Follina e Tarzo, in cui ricadono le scuole del paese che amministro. So bene quali siano le problematiche della mia zona, con il rischio di dispersione scolastica. Il progetto presentato dalla scuola può essere uno strumento importante per offrire nuove e non tradizionali occasioni di apprendimento, nonché una formazione di qualità. Nell’assegnazione del contributo il Ministero si è basato sull’indice di disagio negli apprendimenti, di status socio-economico familiare, di deprivazione territoriale e di abbandono scolastico. E’ perciò un segnale concreto alle comunità scolastiche e ai territori, perché dove c'è una scuola che funziona, c'è una società che guarda al futuro con fiducia».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vento, grandine e alberi caduti: il maltempo flagella la Marca

  • Covid, dodici lavoratori positivi in una ditta dell'hinterland trevigiano

  • Malore al risveglio, il sorriso di Alessandra si spegne a 44 anni

  • Schianto sulla Pontebbana, gioielli e arnesi da scasso nella Smart

  • Covid in azienda, 24 positivi: «Ci lavoravano dieci migranti della Serena»

  • Geox, cooperativa Venere in liquidazione: «Tutelare contratti e posti di lavoro»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento