Villa Sandi dona tre borse di studio agli alunni della Scuola Dieffe

L’istituto professionale di Valdobbiadene è frequentato ogni giorno da oltre 200 studenti che seguono 3 diversi percorsi nella ristorazione: Sala Bar, Cucina e Produzione alimentare

Villa Sandi Spa, azienda vitivinicola leader nella produzione di vini e di Prosecco Docg e Doc, ha donato tre borse di studio all’Istituto per la ristorazione Dieffe di Valdobbiadene, ente d’eccellenza per la formazione professionale a livello regionale. Le borse di studio, dal valore di mille euro l’una, verranno assegnate al termine dell’anno scolastico in corso ai migliori studenti, secondo i criteri scelti dalla scuola.

L’istituto professionale Dieffe è frequentato ogni giorno da oltre 200 studenti che seguono 3 diversi percorsi di formazione nella ristorazione: Sala Bar, Cucina e Produzione alimentare. La conoscenza del territorio, delle aziende, dei prodotti, della storia e delle tradizioni è un aspetto che caratterizza l’approccio didattico e formativo della scuola. Inoltre l’insegnamento di ogni materia è progettato accuratamente dal team insegnanti secondo il principio dell’esperienza come valore e dell’imparare facendo. «Siamo molto legati all’istituto Dieffe di Valdobbiadene, un’eccellenza nel mondo della formazione i cui valori e metodi di insegnamento sono un patrimonio per il territorio e per chi studia per lavorare nel mondo della ristorazione - ha commentato Giancarlo Moretti Polegato, presidente di Villa Sandi - Attribuire delle borse di studio in favore di giovani chef, artigiani e camerieri che abbiano dimostrato passione, dedizione e perseveranza - ha spiegato il Presidente di Villa Sandi -  rappresenta una scelta naturale per un’impresa che vive in questa area e che investe in ricezione turistica. Il numero di visitatori nel trevigiano - ha poi aggiunto Moretti Polegato - è costantemente in aumento e Valdobbiadene sarà ancora più attrattiva nei prossimi anni grazie alla recente nomina a Patrimonio dell’Umanità Unesco. Siamo convinti che le nostre colline avranno bisogno di ragazzi preparati a gestire nuovi e maggiori flussi di turisti da tutto il mondo».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«La sinergia, spesso invocata, con il mondo aziendale trova nella nostra Scuola una sintesi straordinaria grazie al contributo di Villa Sandi che ha dato e continua a dare un contributo essenziale allo sviluppo della nostra realtà - ha dichiarato Alberto Raffaelli, Direttore dell’Istituto Dieffe - Premiare gli allievi più meritevoli per impegno e creatività - ha proseguito Raffaelli - coincide con gli obiettivi didattici fondamentali che ci siamo dati nell'accrescere la motivazione e l’autostima nei ragazzi durante il loro cammino di formazione. In un momento carico di aspettative per il nostro territorio, recentemente riconosciuto dall'Unesco come Patrimonio dell'Umanità, l’Istituto Dieffe fa la sua parte e scommette sui giovani, che sono la prima grande risorsa della nostra terra» ha concluso il preside.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Camion con mucche e tori si rovescia, caos sulla bretella

  • Adriano Panatta sposa a 70 anni l'avvocato trevigiano Anna Bonamigo

  • Covid-19, in quarantena una classe del Leonardo da Vinci e una della materna di Cimadolmo

  • Eletto "il Babbo più Bello d'Italia 2020", premiato anche un papà trevigiano

  • Truccavano gli esami di guida, autoscuola trevigiana nella bufera

  • Diocesi di Treviso, nominati i nuovi sacerdoti della provincia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento