San Valentino: storie, leggende e riti

San Valentino si svolge ogni 14 febbraio. Ogni luogo nel mondo lo festeggia, tra caramelle, fiori e regali che vengono scambiati vicendevolmente, tutti nel nome di San Valentino. Ma chi è questo santo misterioso e da dove provengono queste tradizioni? Scopri la storia di San Valentino, dagli antichi riti, passando per le diverse consuetudini secolari

La storia di San Valentino e la storia del suo santo patrono, è avvolta nel mistero. Sappiamo che febbraio, è stato a lungo celebrato come un mese di romanticismo e che San Valentino, come lo conosciamo oggi, contiene tracce di tradizione cristiana e antica romana pagana. Ma chi era San Valentino e come si è associato a questo antico rito?

Storia Cristiana

La Chiesa cattolica, riconosce almeno tre diversi santi di nome San Valentino o Valentino, tutti martiri. Una leggenda sostiene che San Valentino, fosse un sacerdote che prestò servizio durante il terzo secolo a Roma. Quando l'imperatore Claudio II, decise che i singoli uomini erano soldati migliori di quelli con mogli e famiglie, bandendendo il matrimonio per i giovani. Con questo decreto ingiusto, Valentino, sfidò Claudio e continuando a celebrare in segreto matrimoni per giovani amanti. Quando furono scoperte le azioni di San Valentino, Claudio ordinò che fosse messo a morte. Altri ancora insistono sul fatto che fu San Valentino di Terni, un vescovo, il vero omonimo della festa. Anche lui decapitato da Claudio II, fuori Roma. Altre storie, suggeriscono che Valentino potrebbe essere stato ucciso per aver tentato di aiutare i cristiani a fuggire da dure prigioni romane, dove venivano spesso picchiati e torturati. Prima della sua morte, si dice che le abbia scritto una lettera firmata "Dal tuo Valentino", un'espressione ancora in uso oggi. Sebbene la verità, dietro le leggende di San Valentino sia oscura, tutte le storie sottolineano il suo fascino come una figura comprensiva, eroica e, soprattutto, romantica. 

Origini pagane

La credenza è che il giorno di San Valentino, è celebrato a metà febbraio per commemorare l'anniversario della morte o della sepoltura di San Valentino, che probabilmente avvenne intorno al 270 d.C., altri sostengono che la chiesa cristiana, potrebbe aver deciso di organizzare la festa di San Valentino nel mezzo di febbraio, nel tentativo di "cristianizzare" la celebrazione pagana di Lupercalia. Celebrata alle idi di febbraio, Lupercalia era una festa della fertilità dedicata a Fauno, dio romano dell'agricoltura, nonché ai fondatori romani Romolo e Remo.

Per iniziare la festa, i membri del Luperci, un ordine di sacerdoti romani, si riunivano in una grotta sacra, dove si credeva che i bambini Romolo e Remo, i fondatori di Roma, fossero stati curati da una lupa. I sacerdoti, avrebbero sacrificato una capra, per la fertilità e un cane per la purificazione. Quindi spogliavano la pelle di capra rendendola in strisce, la immergevano nel sangue sacrificale e scendevano in strada, schiaffeggiando delicatamente le donne e i campi coltivati, ​​con la pelle di capra. Lungi dall'essere timorosi, le donne romane accolsero con orgoglio il gesto, perché si pensava che le rendesse più fertili nel prossimo anno. Più tardi, secondo la leggenda, tutte le giovani donne della città, avrebbero posto i loro nomi in una grande urna. Gli scapoli della città, sceglievano un nome e si univano alla donna prescelta.

San Valentino: un giorno romantico

Lupercalia sopravvisse al sorgere iniziale del cristianesimo, finchè non fu ritenuto "non cristiano" alla fine del V secolo, quando Papa Gelasio dichiarò il 14 febbraio il giorno di San Valentino. Non molto tempo dopo, tuttavia, il giorno divenne definitivamente associato all'amore. Durante il Medioevo, in Francia e in Inghilterra, si credeva comunemente che il 14 febbraio fosse l'inizio della stagione degli amori.

I saluti di San Valentino erano popolari fin dal Medioevo, anche se la scritta San Valentino, non iniziò ad apparire fino al 1400. Il più antico San Valentino noto, ancora esistente oggi, era una poesia scritta nel 1415 da Carlo, duca di Orleans, a sua moglie, mentre fu incarcerato nella Torre di Londra in seguito alla sua cattura, nella Battaglia di Angincourt. Diversi anni dopo, si ritiene che il re Enrico V, assunse uno scrittore di nome John Lydgate, per comporre una nota di San Valentino a Caterina di Valois.

Chi è Cupido?

Cupido, è spesso raffigurato sulle carte di San Valentino, come un cherubino nudo che lancia frecce d'amore, verso ignari amanti. Ma il dio romano Cupido, ha le sue radici nella mitologia greca, come dio greco dell'amore: Eros. Secondo i poeti arcaici greci, Eros era un bellissimo immortale che giocava con le emozioni degli dei e degli uomini, usando le frecce dorate per incitare l'amore e indurre gli altri, a seminare avversione. Fu solo nel periodo ellenistico, che iniziò a essere ritratto come un puttino birichino e paffuto, noto a noi tutti.

Amore letterario

L'amore è tra le più grandi muse, ispirando i romantici più famosi del mondo, da Shakespeare, che ha scritto 154 sonetti che trattano di amore, tempo, bellezza e mortalità, al poeta e diplomatico cileno Pablo Neruda. Il lavoro di questi autori, poeti e drammaturghi, parla del potere duraturo dell'amore attraverso le epoche della storia umana.

Cito, le mie personalissime preferite

“L'amore non ha altro desiderio che realizzarsi. Ma se ami e devi avere desideri, lascia che siano questi i tuoi desideri; Per sciogliersi ed essere come un ruscello che canta la sua melodia per la notte. Conoscere il dolore di troppa tenerezza. Essere ferito dalla propria comprensione dell'amore; E sanguinare volentieri e gioiosamente”. Kahlil Gibran

“Ti amo senza sapere come, quando o da dove. Ti amo in modo diretto, senza complessità o orgoglio; quindi ti amo perché non conosco altro che questo: dove io non esisto né tu, così vicino che la tua mano sul mio petto è la mia mano, così vicina che i tuoi occhi si chiudono mentre mi addormento”. Pablo Neruda

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Potresti essere interessato a questo link

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Camion con mucche e tori si rovescia, caos sulla bretella

  • Adriano Panatta sposa a 70 anni l'avvocato trevigiano Anna Bonamigo

  • Covid-19, in quarantena una classe del Leonardo da Vinci e una della materna di Cimadolmo

  • Eletto "il Babbo più Bello d'Italia 2020", premiato anche un papà trevigiano

  • Truccavano gli esami di guida, autoscuola trevigiana nella bufera

  • Diocesi di Treviso, nominati i nuovi sacerdoti della provincia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento