Giovedì, 18 Luglio 2024
social

Campioni di parolacce, i Veneti non sono secondi a nessuno

La curiosa graduatoria vede la nostra regione al primo posto per imprecazioni

Il Veneto in cima alla classifica delle imprecazioni: certo non è una graduatoria delle più decorose, ma senza fare troppo i moralisti può essere una notizia che strappa un sorriso. E' infatti Venezia la città italiana dove si impreca di più, in media 19 volte al giorno: Padova si piazza al secondo posto con 17 imprecazioni giornaliere, seguono Genova (14 imprecazioni al giorno), Messina (12) e Milano (11). Solo sesta, con 9 imprecazioni al giorno, la città di Firenze, smentendo così il luogo comune che si sa da tempi immemori accompagna i toscani. 

Lo studio

Sono questi i dati dello studio realizzato da Preply, piattaforma globale di apprendimento delle lingue, dal quale emergono risultati curiosi non solo per quanto riguarda la frequenza delle imprecazioni, ma anche per la tipologia e i luoghi in cui vengono più utilizzate. Nota di metodo: la ricerca si riferisce alle parolacce e non alle bestemmie.

Nel dettaglio, l'analisi rivela che in Italia s'impreca in media circa 9 volte al giorno e che sono gli uomini a farlo più spesso. Risultano poi essere i giovani quelli che utilizzano più volte parolacce ed espressioni volgari: nella fascia d'età che va dai 16 ai 24 anni se ne dicono in media 14 al giorno. La media diminuisce nelle età più mature: tra le 8 e le 9 imprecazioni giornaliere tra i 25 e i 44 anni, meno di 4 al giorno tra gli over 55. La ricerca ha raccolto interviste di 1.558 persone residenti in 19 grandi città del Paese.

Quando e dove imprecano gli italiani

Venezia come detto è la città che detiene il primato negativo, con 19 imprecazioni al giorno: Padova e Brescia a pari merito, poi Genova (14), Messina (12), Milano (11), Firenze, Palermo e Torino (9), Trieste e Roma (8), Modena (7), Catania, Bologna, Bari, Parma, Verona e Napoli (6) e infine Taranto (5). Ma con chi ce l'hanno gli italiani? Soprattutto con se stessi, per il 21% degli intervistati: il 17% scaglia improperi senza un obiettivo preciso, spesso facendone largo uso come intercalare nelle conversazioni informali. Tra i "destinatari" spuntano poi gli amici (17%), i collaboratori e i partner (11%), gli sconosciuti (9%), sorelle e fratelli (8%), i genitori (5,5%). 

Esistono poi luoghi e contesti in cui gli italiani si lasciano andare più facilmente. In gran parte a casa, per il 34% degli intervistati: il 17,5% in compagnia degli amici, il 17% in ufficio e sul posto di lavoro, altrettanti quando sono alla guida, specie quando si è bloccati nel traffico. I motivi per non dire parolacce? Prima di tutto i bambini, ma anche i propri superiori al lavoro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Campioni di parolacce, i Veneti non sono secondi a nessuno
TrevisoToday è in caricamento