rotate-mobile
social

Che meraviglia nel Monte Grappa: dove ammirare i crochi in fiore

In questo periodo colorano i prati di montagna

Tra i primi messaggeri della primavera, appena se ne va la neve, i crochi fioriscono e colorano i prati di montagna, sbocciano in ambienti impervi e si possono ammirare in questo periodo nel Monte Grappa nella zona del Rifugio Scarpon a Conca delle Bocchette a Seren del Grappa. In fiore anche i bianchi narciso in questo periodo, una meravigliosa nevicata.

Dove sbocciano i crochi di montagna?

I crochi fioriscono in di montagna tra i 400 e i 2800 metri di altitudine. Si possono trovare su prati, pascoli, boschi radi e ghiaie, spesso in colonie che tappezzano il terreno creando un tappeto multicolore in primavera, tra la fine di febbraio e l'inizio di maggio. Il periodo esatto varia a seconda delle specie, dell'altitudine e delle condizioni climatiche. In generale, le fioriture iniziano a quote più basse e si protraggono per diverse settimane, man mano che la neve si ritira e le temperature si alzano.

Dove ammirare la fioritura dei crochi in montagna

Si possono trovare in Veneto, sul Monte Grappa, sull'Altopiano di Asiago e a Padola nel Comelico. Anche in Friuli e in Alto Adige i crochi sono molto diffusi: nel periodo giusto, è difficile fare un’escursione senza incrociare veri e propri tappeti in fiore!

Abbiamo selezionato i luoghi più suggestivi

  • Dai Prati dell’Armentara al Sentiero delle Malghe in Val Casies,
  • Dal Salto all’Alpe di Siusi.
  • Monte Avena, nelle Dolomiti Bellunesi,
  • Padola, nelle Dolomiti del Comelico,
  • Prato Piazza e Monte Specie, nelle Dolomiti dell’Alto Adige,
  • Fuciade e Rifugio Flora Alpina, al Passo San Pellegrino,
  • Passo Pordoi, in Alto Adige,
  • Passo di Costalunga, in Trentino-Alto Adige.
  • Monte Grappa, Conca delle Bocchette a Seren del Grappa

Quali sono le specie di crochi di montagna?

In Italia, si contano diverse specie di crochi di montagna, tra cui:

  • Crocus vernus: il più comune, con fiori viola o bianchi.
  • Crocus albiflorus: caratterizzato da fiori bianchi con macchie gialle all'interno.
  • Crocus biflorus: con fiori bianchi o lilla striati di blu.
  • Crocus tommasinii: uno dei primi a fiorire, con fiori violetti screziati di giallo.
  • Da non confondere il Croco (Famiglia Iridaceae) con il Bucaneve (Famiglia Amaryllidaceae)

Perché i crochi di montagna sono importanti?

Oltre al loro valore estetico, i crochi di montagna svolgono un ruolo importante nell'ecosistema alpino. Sono tra i primi fiori a fiorire, offrendo una preziosa fonte di nettare e polline per gli insetti impollinatori, come api e farfalle, che in questo periodo scarseggiano di cibo. Inoltre, la loro fioritura è un indicatore dello stato di salute dell'ambiente e contribuisce ad aumentare la biodiversità. Assomigliano ai fiori di zafferano, ma sono velenosi, non sono edibili.

Leggende  sui crochi di montagna
Diverse leggende sono legate a questi fiori. Una narra che la dea Flora li abbia fatti nascere dalle lacrime di una ninfa innamorata.

Ringraziamo per le splendide foto Giorgio Zonta e il gruppo FB 'Amo il monte Grappa e dintorni'.

foto di giorgio zonta fioritura dei crochi monte grappa



 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Che meraviglia nel Monte Grappa: dove ammirare i crochi in fiore

TrevisoToday è in caricamento