Domenica, 17 Ottobre 2021
social

Il concetto di bellezza nelle diverse parti del mondo

Dicono che la bellezza sia negli occhi di chi guarda, e tutte le donne sono belle ma con standard e culture differenti a determinarle. Intraprendiamo un viaggio meraviglioso intorno al mondo, alla scoperta del bello

Varietà e diversità, spaziando da un capo all'altro della terra, sono la vera bellezza, La cultura di un paese, è in questa disamina, la determinante del concetto di bellezza, spesso diametralmente opposte alle convenzioni puramente occidentali. Iniziamo questo viaggio sorprendente e affascinante, scoprendo ciò che in base alle diverse culture, è considerato attraente. Dalle donne con i piedi larghi e i denti appuntiti a Bali, ai dilatatori labiali e dei lobi delle orecchie diffusi, in alcune parti dell'Africa e del Sud America, è facile vedere che la bellezza è davvero agli occhi di chi guarda, anche se alcune pratiche di bellezza possono sembrare davvero estreme.

Ecco alcuni degli standard di bellezza in tutto il mondo.

Le donne dal collo lungo del Myanmar

In alcune aree di Myanmar e della Thailandia, esistono tribù, note come "collo lungo" o "giraffa", un sottogruppo dei Padaung, che attuano questa pratica. L'allungamento del collo, dona la donna, di una particolare aura, rendendola più attraente e ambita,  per un possibile compagno perché indice di bellezza e ricchezza. Sebbene a molti occidentali, possa sembrare una tortura inflitta, subendo l'allungamento del collo, è un mito. In effetti, gli anelli di ottone posizionati intorno al  collo, creano un'illusione visiva, facendo apparire il collo della donna semplicemente più lungo. Il peso degli anelli, spinge verso il basso l'osso del collo, così come le costole superiori, ad un angolo tale che l'osso, sembra effettivamente essere una parte dello stesso  Le donne a collo lungo di Kayan, iniziano a indossare gli anelli all'età di quattro o cinque anni, aggiungendone di volta in volta, anche conformemente al peso sostenibile. Questi anelli possono pesare fino a 11kg .


Alle donne iraniane, piace mostrare la rinoplastica

l'Iran è diventato la capitale mondiale della rinoplastica. Le donne, sono orgogliose di andare sotto i ferri e questo vuole essere sottolineato, mostrandosi in pubblico con le bende. Poiché i corpi e i capelli delle donne sono coperti da un hijab e ha poco senso spendere soldi per i vestiti, sono "desiderose" di spendere i loro soldi per migliorare ciò che la gente può vedere. Sono diventati più attenti alla moda perché ne sono private, ogni donna ama essere felice, ama essere sicura e sentirsi bene e gli iraniani non sono diversi.

Lobi delle orecchie allungati

I membri della tribù Masai in Africa, sono noti per la loro pratica di indossare gioielli pesanti fatti di pietre o zanne di elefante, per allungare, deformando i lobi delle orecchie. Col passare del tempo, lo status di una donna nella tribù Masai, così come altre tribù in Africa, è accentuato dalla portata della deformazione/ allungamento. Per attirare l'attenzione sui loro lobi allungati, le donne Masai li adornano con perline e gioielli dai colori vivaci, enfatizzandoli.

Dilatatore labiale

Gli occidentali, possono considerare la lamina labiale, una forma di mutilazione corporea, ma per una donna Mursi o Suri in Etiopia, denota la maturità femminile, che segnala il raggiungimento dell’età fertile. Il processo include, la rimozione dei due denti anteriori inferiori, prima di eseguire un piercing per consentire ad un pesante disco di argilla o legno, di adornare e allungare il labbro inferiore. Come l'allungamento dell'orecchio, i dischi sempre più grandi vengono inseriti nel tempo per allungare ulteriormente il labbro. Più grande diventa il disco, maggiore è la bellezza, in quanto significa maturità, che è un attributo attraente per un maschio della tribù. La pratica è svolta anche in alcune parti del Sud America.



I corpi tatuati delle donne Maori


Le donne Maori in Nuova Zelanda, usano tradizionalmente ornare con un tatuaggio il mento, come mezzo per attirare un compagno. La sacra tradizione, è conosciuta come Ta Moko. Ogni moko, è diverso e include informazioni tribali ancestrali, specifiche per chi lo indossa. La moko, mostra anche la famiglia e le affiliazioni tribali della donna, nonché il suo status sociale all'interno della sua tribù. La pratica è cambiata nel tempo, ma è ancora considerata motivo di attrazione per un uomo Maori. Ta moko oggi, è molto più di una dichiarazione di moda, riguarda dove sono diretti nelle scelte di vita, e il modo in cui si sceglie di raggiungerla.

Pelle bianco latte dall' Oriente

Le donne di molti paesi asiatici detestano il sole, perché la pelle pallida è un segno di bellezza e desiderabilità. IN Corea del Sud, NON è raro vedere donne che camminano sfoggiando enormi "visiere ajumma", per impedire al sole di colpire i loro volti. Queste donne, tengono anche il loro corpo coperto dalla testa ai piedi, anche nei mesi più caldi, per evitare che la pelle si abbronzi. Tradizionalmente, se si è abbronzati, significa essere poveri contadini che doveva lavorare all'aperto, al contrario la pelle pallida, raffigurava la vita di lusso e ricchezza. Le donne coreane, che possono permetterselo, sono anche disposte a spendere molto denaro in creme per sbiancare la pelle.

Essere in sovrappeso è bello

Nel paese africano della Mauritania, la siccità e la carestia sono comuni, quindi il sovrappeso è stato tradizionalmente identificato come un segno di prosperità. Una donna più pesante, è quindi più desiderabile, arrivando addirittura a sottoporre le bambine di 7 anni, all’ingrasso. Oggi la visione è cambiata e questo, non è più un criterio imprescindibile di bellezza.

L'Henné'

Le donne in India adorano anelli al naso, bindis e henné per rendersi più attraenti, soprattutto in occasioni importanti come matrimoni o feste. Mentre l'eyeliner, il bindis ingioiellato e tinto e le mani e i piedi decorati di hennè, hanno definito la bellezza per secoli, Bollywood ad esempio, ci ha presentato un'altra sfaccettatura della bellezza indiana, dove il colore, il luccichio e la lucentezza sono all'ordine del giorno.

La scarificazione del corpo 

La scarificazione, è una tradizione popolare in tutto il mondo e in molte culture diverse: dal Pacifico occidentale al Sud America, fino ad alcune zone dell'Africa. In molte di queste culture, sia gli uomini che le donne, subiscono il doloroso processo di scarificazione, dove le donne, tendono a cicatrizzare il torace, perché considerato segno sensuale e intrigante. Come i tatuaggi della tribù Maori in Nuova Zelanda, le cicatrici possono inviare un messaggio sullo stato sociale della donna, i ruoli politici o religiosi e la sua genealogia. Le cicatrici, sono utilizzate per segnare le tappe della vita di una ragazza, la sua trasformazione dall'infanzia all'età adulta, quando le sue cicatrici sono finite, le è permesso sposarsi.

Essere unicamente te è bello, in tutte le culture

Non importa la tua cultura o da dove vieni, ricorda che ciò che rende una donna particolarmente bella e attraente, è la sua capacità di essere un sé unico e speciale. Nessun uomo può resistere a una donna che si sente a proprio agio e sicura della propria persona, quindi abbraccia chi sei, dentro e fuori, e il tuo posto nel mondo. Questa è la vera bellezza!

Scopriamo le culture:

Associazione Culturale Senegalesi in Italia - Via Ragusa, 4, 31100 Treviso TV

Centro Culturale Estrada -  Strada Comunale delle Corti, 73, 31100 Treviso TV

Associazione Culturale Demetra - f, Via Cavini, 7, 31100 Treviso TV

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il concetto di bellezza nelle diverse parti del mondo

TrevisoToday è in caricamento