Migliori Birre d'Italia 2021: le trevigiane Imperdibili

Il birrificio di Pederobba 32 Via dei Birrai è stato inserito nella categoria Eccellenze e Imperdibili dalla nuova guida di Slowfood, è il preferito del maestro Andrea Bocelli

La Guida alle Birre d'Italia di Slowfood è ormai un punto di riferimento per chi voglia orientarsi nel mondo delle produzioni fermentate nel nostro Paese. Si tratta di una pubblicazione unica, che sa offrire un ampio spaccato della realtà e contempla ben 1866 etichette e 387 stabilimenti selezionati da un gruppo di oltre cento esperti. La provincia di Treviso ha ottenuto un grande riconoscimento: un birrifico tra i top 70 italiani e due birre sono rientrate nella categoria Imperdibili.

  1. Le Chiocciole. Sono i birrifici eccellenti e slow che guadagnano l’ambito riconoscimento per la qualità e la costanza produttiva che sanno esprimere, oltre che per il ruolo di riferimento e per l’attenzione al territorio e all’ambiente. In Guida sono presenti solo 34 chiocciole.
  2. Le Eccellenze. È il nuovo riconoscimento assegnato dalla guida ai birrifici che sono riusciti ad esprimere un’elevata qualità media su tutta la produzioneSlow Food, guida alle migliori birre d'Italia | Il Birrificio di Lurago ancora al top
    In Guida sono presenti 73 eccellenze.​
  3. Le Birre Slow. Sono le birre che sanno raccontare il territorio diventando riferimento per la categoria perché vantano prodotti eccellenti per valore organolettico.
  4. Le Birre imperdibili. Qui vengono premiate le birre artigianali notevoli per caratteristiche organolettiche e per equilibrio complessivo. In Guida sono presenti 358 birre imperdibili.

Grande soddisfazione a Treviso per il riconoscimento a 32 Via dei Birrai, unico birrificio della Marca inserito nei top italiano.

32 Via dei Birrai

Il birrificio viene fondato nel Giugno del 2006 da tre amici, Loreno Michielin, Alessandro Zilli e Fabiano Toffoli, dai diversi profili professionali ma uniti da un'unica passione: la birra. Andrea Bocelli ha speso parole di apprezzamento per 32 Via dei birrai, non solo per le loro buonissime produzioni, ma anche per l'impegno. L'azienda trevigiana finanzia progetti formativi per i bambini ciechi e ipovedenti; dal gennaio 2017 destina 3 centesimi per ogni bottiglia prodotta a sostegno della Fondazione.

La fabbrica di birra artigianale “32 Via dei birrai” è situata alle pendici del Monte Tomba si trova a Pederobba nella provincia di Treviso e la sua posizione, alle pendici del Monte Grappa, è stata scelta per varie ragioni tra le quali la possibilità di usufruire di acqua di ottima qualità proveniente da differenti fonti. Infatti, in birreria, si utilizza una miscela proveniente da diverse sorgenti: la Schievenin” offre acqua di media durezza mentre “La Calcola” garantisce acqua più leggera. 

Le materie prime provengono da tutta Europa. Il luppolo viene acquistato in Belgio a Poperinge direttamente dal coltivatore in modo da arricchire la birra in profumi pronunciati. Il malto può avere origine Belga, Britannica o Tedesca. Il lievito viene preparato in birreria ed utilizzato in miscela per garantire aromi complessi, una ricchezza combinata di fruttato, pepato e floreale.

L’azienda produce attualmente birra di alta fermentazione rifermentata in bottiglia di varia gradazione alcolica e tipologia. D’estate viene prodotta la  “Curmi” (5,8 % vol. alc.). Si tratta di una birra bianca al farro caratterizzata da una lieve gasatura e leggero acidulo dovuto alle spezie. L’aroma è molto rinfrescante e varia in funzione dell’età del lotto.  

La “Oppale” (5,5 % vol. alc.- tipologia: ale amara) è dedicata a luppolo e malto. Libera con decisione le sue 44 unità di amaro che vengono bilanciate da una forte dose di malto caramello. Si tratta quindi di una birra corposa adatta a pasteggiare con piatti sostanziosi. Anch’essa stupisce l’assaggiatore esperto con il suo olfatto che regala sensazioni complesse fresche e maltate.

La “Audace” (8,4 % vol. a.c. – tipologia: bionda forte speziata) offre aromi di frutta sciroppata uniti ad un pepato pungente. Riscaldandosi si orienta sui fiori gialli caldi come camomilla e tarassaco mentre l’etilico inizia a stimolare il setto nasale. Nonostante il suo volume alcolico notevole, il suo corpo è secco.

La “Admiral” (6,5 % vol. alc. – Tipologia: ale rossa) di color rubino viene prodotta solo in autunno ed inverno. Risulta da un abbinamento di luppoli coltivati in Belgio lungo la Manica e destinati al mercato Britannico, malti colorati leggermente torrefatti e spezie. Il risultato è quindi un prodotto complesso ed adatto a stagioni fredde.

La birra al miele di castagno del Monte Grappa denominata “Nectar” (8 % vol. alc.) prodotta in quantitativi ridottissimi. Il mosto ottenuto segue dopo fermentazione una lunga stagionatura.

In inverno viene fatta una “bruna”, la “Atra”  (7.2 % vol. alc. – tipologia: meditazione) contraddistinta da una ricetta creata con numerosi malti scuri ed amaro poco presente. Il risultato è un prodotto morbido e caldo per le serate al riparo dal freddo.
Le nove birre realizzate, tutte ad alta fermentazione con rifermentazione in bottiglia, sono suddivise in fisse, stagionali o speciali, e stilisticamente sono di matrice principalmente belga e inglese.

Il birrificio è stato selezionato tra le Eccellenze nella Guida alle birre d’Italia 2021 di Slow Food.

Le Eccellenze 2021 VENETO

32 Via dei Birrai – Pederobba (TV)

Crak – Campodarsego (PD)

Mastino – San Martino Buon Albergo (VR)

BIRRE IMPERDIBILI 

Treviso

32 Via dei Birrai, Nectar

DESCRIZIONE:
Birra scura doppio malto al miele di castagno di fermentazione alta e rifermentata in bottiglia.

ASPETTO:
schiuma: beige, compatta, persistente, fine; liquido: scuro, libero da solidi in sospensione, eventualmente velato da lievito. Perlage fine.

BOUQUET:
Miele di castagno pronunciato, balsamico (castagno inquinato da tiglio), erbaceo amaro, torrefatto, leggero caramello, etilico quando la bevanda si riscalda, cera, legno impregnato (telaini alveare).

SAPORE:
miele di castagno sovrastante, torrefatto, erbaceo amaro, lieve acidità dovuta al malto torrefatto, caramello, amaro da luppolo bilanciato da torrefatto. Amaro complesso frutto di una combinazione di miele, malto torrefatto e luppolo. Corposa

32 Via dei Birrai, Nebra

DESCRIZIONE:
Birra ambrata doppio malto, di alta fermentazione e rifermentata in bottiglia

ASPETTO:
si distingue inizialmente per la sua schiuma bianca, compatta e persistente; presenta una gasatura delicata. Colore ambrato, senza lieviti in sospensione. Perlage fine.

BOUQUET:
libera aromi morbidi di fiori bianchi, caramello ed infine una leggera speziatura.

SAPORE:
delicato, con un retrogusto persistente, molto gradevole in bocca.

VENETO

  • Benaco 70, Coloniale
  • BirrOne, Blind Pils
  • BirrOne, Scubi
  • Bradipongo, Mafalda
  • Crak, Mundaka
  • Crak, New Zealand
  • Evoqe Brewing, EvoqeSour #1
  • La Gastaldia, Redis
  • La Villana, Dumper
  • LuckyBrews, Brando
  • Mastino, 1291
  • Mastino, San Zen
  • Mastino, Teodorico
  • Ofelia, Nevermild
  • Ofelia, Signorina Silvani

Chiocciole 2021 VENETO

Ofelia – Sovizzo (VI)

Siemàn – Villaga (VI)

BIRRE SLOW

Veneto
Crak, Mansueto 2017
Ofelia, Amitabh
Siemàn, Funky Rose
Siemàn, Istà

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Remo Sernagiotto ricoverato al Ca' Foncello: «Condizioni disperate»

  • Cocaina e marijuana in casa, brigadiere dei carabinieri in manette

  • Malore improvviso al rifugio: 62enne muore tra le braccia della compagna

  • Covid, Zaia: «I dati in Veneto sono buoni, non meritiamo la zona arancione»

  • Pooh, nuovo disco dopo la morte di D'Orazio: «Le canzoni della nostra storia»

  • Se n'é andata Paola Maiorana, voce storica delle radio private trevigiane

Torna su
TrevisoToday è in caricamento