social

Orgoglio trevigiano: Bebe portacolori dell'Italia alle Paralimpiadi

Dalla malattia ai trionfi, l'impossibile è la sua meta, oggi emozionata è un sfilata all'inaugurazione e ha dato la carica agli azzurri

Si sono aperti oggi a Tokyo i XVI Giochi paralimpici. Esattamente come lo scorso 23 luglio, l’evento si svolge nell’impianto vuoto, senza la presenza del pubblico fatta eccezione per una rappresentanza di studenti giapponesi, a causa delle restrizioni dovute all’emergenza sanitaria. A portare la bandiera azzurra la schermitrice Bebe Vio e il nuotatore Federico Morlacchi, che sfilano per sedicesimi. Le gare sono in programma da domani al 5 settembre nella capitale giapponese che un mese fa ha ospitato le Olimpiadi.  L'Italia si presenta con una spedizione da record: ben 115 atleti in 15 sport.

"Da piccola mi dicevano che non si può tirare di scherma senza braccia e che avrei dovuto cambiare sport, ma ho dimostrato a tutti che le braccia non servono: se hai un sogno, vai e prenditelo". Così ha esordito alla conferenza stampa di apertura delle Paralimpiadi. "Se sembra impossibile, allora si può fare!", questo è il motto che caratterizza la vita, di 'Bebe', all'anagrafe Beatrice Maria Adelaide Marzia Vio di 24 anni di Mogliano Veneto.

"Sono molto felice di essere qui, mi mancavano troppo le emozioni della competizione". A distanza di due anni dall'ultima volta che Bebe è scesa in pedana: "Sono un po' spaventata ma felicissima di tornare a gareggiare" ha dichiarato prima della cerimonia.

"CHE EMOZIONE vedere i nostri atleti (Bebe Vio e Federico Morlacchi in testa, a portare la bandiera) sfilare nella cerimonia di apertura delle Paralimpiadi di Tokyo! Facciamo tutti il tifo per loro, ragazzi che hanno trasformato la disabilità non in un limite ma in una opportunità di abbattere dei limiti personali e sportivi." Gli auguri del governatore Zaia.

238970237_242025017923561_8150282852165502729_n-2

Beatrice Vio
Mogliano Veneto, classe 1997, comincia a praticare la scherma nel 2002, all’età di soli cinque anni. Nel 2008 è colpita da meningite fulminante e le vengono amputati tutti e quattro gli arti; due anni dopo scopre la scherma in carrozzina. Da lì un successo dopo l’altro, in totale 53 medaglie d'oro, 9 d'argento, 7 di bronzo.

Bebe ha iniziato a praticare la scherma in piedi e, dopo uno stop forzato causato dalla malattia, dal 2010 ha ripreso con la versione in carrozzina. Nel 2011 è entrata nella Nazionale di scherma paralimpica. E’ stata tedofora nel giorno dell’inaugurazione delle Paralimpiadi di Londra 2012. Dal 2014 ha vinto tutte le maggiori competizioni mondiali: Europei, Mondiali e le Paralimpiadi di Rio 2016, in cui è stata anche Portabandiera alla Cerimonia di Chiusura allo Stadio Maracanã. Ha vinto, inoltre, la Coppa del Mondo, ottenuta con la somma dei punteggi di tutte le gare di ogni anno, per 5 anni consecutivi. Dal 2016 fa parte del Gruppo Sportivo della Polizia di Stato Fiamme Oro.

A Tokyo è stata accolta come una star, in migliaia la seguono nei social, è la campionessa olimpica in carica nel fioretto individuale, oro a Rio 2016 (oltre che bronzo a squadre). Una vita piena, ha scritto due libri, ha partecipato a diversi programmi televisivi, eventi nazionali e internzionali, al docu- film-documentario "La storia delle Paralimpiadi" e non mancano selfie con Obama e Mattarella. Nelle sue storie di Instagram oggi Bebe Vio ha dato la carica agli atleti italiani molto emozionati prima della cerimonia di apertura.

Ironwoman: foto dal sito internet di Bebe Vio.  bebes-sport-carriera-2

Quando vederla in TV

Dopo l'inaugurazione del 24 agosto 2021 programma di gare comincia mercoledì 25 agosto con la sciabola, poi sabato 28 agosto sarà la volta del fioretto individuale mentre domenica 29 agosto sarà in gara per il fioretto a squadre.

Gli atleti veneti che hanno sfilato a Tokyo

  • Luigi Beggiato di Vo' Euganeo (Pd), nuoto
  • Francesco Bettella di Padova, nuoto
  • Andrea Borgato di Solesino (Pd), tennistavolo
  • Nadia Fario di Noventa Padovana (Pd), tiro a segno
  • Chiara Nardo di Vo' Euganeo (Pd), canottaggio
  • Stefano Travisani di Correzzola (Pd), tiro con l'arco
  • Silvia Biasi di Godega (Tv), volley
  • Asia Pellizzari di Mareno (Tv), tiro con l'arco
  • Beatrice Vio di Mogliano (Tv), scherma
  • Antonio Fantin di San Michele al T.to (Ve), nuoto
  • Francesca Cipelli di Mira (Ve), atletica
  • Michela Brunelli di Bussolengo (Vr), tennistavolo
  • Federico Falco di Verona, tennistavolo
  • Misha Palazzo di Verona, nuoto
  • Xenia Francesca Palazzo di Verona, nuoto
  • Francesca Porcellato di Valeggio (Vr), handbike
  • Stefano Raimondi di Zimella (Vr), nuoto.
Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Orgoglio trevigiano: Bebe portacolori dell'Italia alle Paralimpiadi

TrevisoToday è in caricamento