Giovedì, 23 Settembre 2021
social

La musica di Roby Facchinetti sulle Dolomiti

Nel "Bosco degli Artisti" di Falcade a quasi 2000 metri, porterà in alta quota brani che hanno segnato la storia della canzone italiana

Le Dolomiti che diventano una grande cassa di risonanza, note che vibrano tra gli alberi fino alle imponenti pareti di roccia di Mulaz e Focobon. Sabato 24 luglio, alle 10.30, nel "Bosco degli Artisti" di Falcade (BL), nel cuore della Ski Area San Pellegrino, va in scena la terza edizione de “La mia Terra”, il progetto musicale ideato da Diego Basso, il direttore d’orchestra che ha diretto nei maggiori palcoscenici internazionali.

In questa galleria d’arte a cielo aperto, risuonerà la musica di Roby Facchinetti, ospite d’eccezione di questa edizione. “Roby Facchinetti Symphony, inseguendo la mia musica” porterà in alta quota brani che hanno segnato la storia della canzone italiana come “Uomini Soli”, “Pierre”, “Noi due nel mondo e nell’anima”, “La Donna del mio amico” ,“Rinascerò, rinascerai”, “Chi fermerà la musica”, “Pensiero”, “Ci penserò domani”,  “Un mondo che non c’è”, “Poeta” e “Parsifal”. 

Il concerto, con le composizioni che prenderanno vita in versione sinfonica, a quota 2000 metri, saranno  anche l’occasione per celebrare la Città di Venezia e i suoi 1600 anni di storia.  Diretti dal Maestro Diego Basso un centinaio di artisti tra musicisti e coristi dell’Orchestra Ritmico Sinfonica Italiana e Le Voci di Art Voice Academy. La grande orchestra siederà su sedute ricavate dai tronchi abbattuti da Vaia e oggi divenuti teatro permanente nel Bosco degli Artisti.

IL BOSCO DEGLI ARTISTI

Il Giardino delle Formiche di Le Buse, splendida terrazza panoramica sulle Dolomiti che si trova a quota 2000 metri sopra Falcade, è stato impreziosito dall’abilità creativa di diversi artisti locali ispirati dalla bellezza e dalle tradizioni del territorio.  Le opere, posizionate lungo la splendida e facile passeggiata che porta alla scoperta della Formica Rufa mostrando da vicino i suoi grandi e complessi formicai e la flora che caratterizza l'ambiente alpino dolomitico, si rivelano una dopo l’altra agli occhi dei visitatori mentre arte e natura si fondono insieme. Il “Bosco degli Artisti” è una galleria a cielo aperto che valorizza il lavoro degli scultori e dei pittori della Val Biois in un contesto fortemente suggestivo. Un’esposizione permanente e in continua evoluzione visto che alle opere di Walter De Biasio, Lucio Groja, Mauro Michelotto, Franco Murer, Dunio Piccolin e Sante Piccolin, se ne aggiungeranno presto molte altre. Per chi ama i panorami dolomitici, a Le Buse sono presenti anche tre punti d’osservazione attrezzati con panchine e cannocchiali realizzati in ferro battuto con inciso il nome della montagna a cui puntano: perfetti se si desidera godere al meglio delle meravigliose vette dolomitiche che circondano la valle

COME ARRIVARE AL CONCERTO

Raggiungere questo luogo incantato è facile: Partendo da Falcade, paesino “cullato” dalle imponenti pareti rocciose del Focobon, si giunge a quota 1890 m. con la cabinovia che da Molino porta a Le Buse.

L’accesso all’area del concerto e? raggiungibile solo su prenotazione, tramite il sito: https://www.falcadedolomiti.it/falcade-e-il-concerto-la-mia-terra/ 

Evento organizzato con la collaborazione di Regione Veneto, Provincia di Belluno, Comune di Falcade, Pro Loco Falcade Caviola, PromoFalcade Dolomiti e Ski Area San Pellegrino. Con la collaborazione di: Croce Verde, Soccorso Alpino Val Biois, Protezione Civile Val Biois

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La musica di Roby Facchinetti sulle Dolomiti

TrevisoToday è in caricamento