Segnalazioni

Conservatori, Conte (VicePresidente Commissione Cultura): "Promuoviamo Sanremo, ma soffochiamo la musica"

"Finanziamenti fermi e ci si dimentica di un importante tassello culturale del nostro Paese, presentato un emendamento al Milleproroghe"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di TrevisoToday

Resana, 18 febbraio 2016 - "La musica italiana va promossa: fa parte della nostra storia e delle nostre tradizioni culturali. E per fare questo si parte dai conservatori. Per questo ho presentato una interrogazione per ottenere garanzie sul fronte del sostegno di queste eccellenze. L'Italia è spesso palcoscenico internazionale per la musica italiana dove tutto ruota attorno a grandi orchestre composta da maestri che hanno dedicato il loro impegno e studio partendo proprio dal Conservatorio. Che senso ha, mi domando, promuovere la musica italiana attraverso la Rai, servizio pubblico, soffocando poi i Conservatori? Non ci si lamenti poi della fuga di cervelli e di spartiti". Lo sottolinea il Vicepresidente della Settima Commissione Cultura al Senato, Franco Conte, sulla complessa situazione dei Conservatori in Italia.

A seguito della riforma degli Enti locali le province non hanno più il compito di gestire gli edifici sede di conservatorio e a queste istituzioni in Ministero non ha assegnato i fondi necessari, la situazione è drammatica. In Italia ci sono 77 Conservatori e la maggior parte rischia di chiudere. E quale sarà il destino futuro? Tra poco dovranno aprirsi le iscrizioni per il prossimo anno accademico e non c'è nessuna certezza. Sono vicino ai Conservatori italiani che il 13 febbraio hanno attuato una giornata di protesta realizzando concerti nelle piazze italiane.

Mettere in difficoltà i Conservatori avrebbe gravi ricadute sulle tantissime rassegne e stagioni musicali (pensiamo all'Arena di Verona, alla Fenice di Venezia, al San Carlo di Napoli, a Milano, Roma, Bologna, Bari e a tanti altri teatri italiani). Sono grandi iniziative culturali che richiamano migliaia di spettatori stranieri con innegabili ricadute positive in un importante settore dell'economia che è quello del turismo.

In particolare Conte con l'interrogazione urgente al Ministro Giannini sollecita "un intervento definitivo che metta i Conservatori nelle condizioni di poter contare sulla certezza delle risorse e si arrivi a dare definitiva attuazione alla legge n. 508/1999". Il vicepresidente Conte ha inoltre "presentato uno specifico emendamento al milleproroghe attualmente all'esame del Senato sul tema del sostegno ai Conservatori.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Conservatori, Conte (VicePresidente Commissione Cultura): "Promuoviamo Sanremo, ma soffochiamo la musica"

TrevisoToday è in caricamento